• pianosa1
  • elba
  • capraia
  • giannutri
  • giglio
  • gorgona
  • montecristo
  • Pianosa L'isola del silenzio

  • Elba la regina dell'Arcipelago

  • Capraia natura selvaggia emersa dal mare

  • Giannutri il gioiello nel blu

  • Giglio la perla delle baie turchesi

  • Gorgona una splendida isola carcere

  • Montecristo un tesoro di biodiversità

Dona il 5xmille

Monte Capanne: filoni aplitici

Il Monte Capanne (isola d’Elba), completamente granodioritico, rappresenta la più grande massa intrusiva affiorante della Provincia Magmatica Toscana. Dai dati geochimici si ipotizza che questa massa sia stata originata da un magma derivato dalla fusione parziale di sedimenti argillosi metamorfosati. Intorno a questa massa granitica si distribuirono i filoni aplitici, porzioni di magma incandescente che, infilandosi nelle spaccature delle rocce preesistenti (granodiorite), si raffreddarono velocemente. Durante questo processo si formarono nuovi cristalli, tipicamente zonati, quali la tormalina, il berillo, e i granati. I cristalli più belli si formarono nei nuclei quarzosi al centro dei filoni.

La tormalina, se presente, è un indicatore del grado di evoluzione di questi. Tale minerale, potendo cambiare di composizione durante la crescita, registra il mutare delle condizioni chimiche dell’ambiente in cui si forma; tale mutamento si traduce in un cambiamento di colore dei cristalli, che con grado di evoluzione via via maggiore passano dal nero, al verde, al giallo, al rosa ed al rosso. I filoni possono avere forme regolari e irregolari ed hanno spessori che da qualche millimetro raggiungono circa 2 metri e lunghezze che possono arrivare a 15-20 metri. I filoni aplitici sono ben individuabili lungo il perimetro del comprensorio del Monte Capanne e si riconoscono come strati più chiari all’interno di ammassi rocciosi di colorazione più scura. Le cristallizzazioni di minerali più belle si trovano soprattutto lungo il margine orientale, nelle località di S. Piero e S. Ilario. Molti degli spettacolari cristalli di tormalina presenti nei musei di tutto il mondo provengono sicuramente dai filoni aplitici elbani.

isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Ai blocchi di partenza gli eventi del pr…

17-04-2024

 Sabato 20 Aprile, all’Isola...

Trekking a Capo Stella: osservare le ste…

09-04-2024

Sabato 13 aprile, in occasione de...

Partecipazione, impegni e proposte al se…

28-03-2024

Il secondo workshop organizzato a...

Successo dell'Assemblea Consultiva Perm…

19-03-2024

  Successo dell'Assemblea C...

Pasqua all’Isola del Giglio

13-03-2024

Foto Roberto Ridi per il PNAT Pa...

Nuovo intervento di ripristino degli amb…

12-03-2024

Il secondo intervento di ripristi...

Il fine settimana di Pasqua all’Isola di…

07-03-2024

  Euforbia  foto dal P...

Il fine settimana di Pasqua all’Isola d’…

05-03-2024

Foto Roberto RIDI per il Pnat Il...

L’ARCIPELAGO TOSCANO DISVELA I SUOI “GIO…

29-02-2024

  L'Arcipelago Toscano rive...

Lacona: l’area di sosta per camper non s…

23-02-2024

Lacona: l’area di sosta per campe...

Nasce il Festival “La Natura al Centro”

15-02-2024

  Nasce il Festival “La Nat...

Rinnovata la collaborazione tra Parco e …

08-02-2024

Il Parco Nazionale Arcipelago Tos...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento