• delfini

Specie animali aliene


L'identificazione e il monitoraggio delle specie aliene animali sulle isole non è di facile esecuzione specialmente per gli animali più piccoli e difficili da osservare. Da un censimento effettuato nell'ambito del Progetto Corem risultano introdotte nell'Arcipelago Toscano 18 specie di invertebrati (11 insetti e 7 molluschi terrestri) e 18 di vertebrati (3 rettili, 4 uccelli, 11 mammiferi). Tra gli insetti la farfalla Licenide dei gerani (Cacyraeus marshalli) ed il coleottero Curculionide Tarlo dell'Eucalipto (Gonipterus sp.). Tra i molluschi terrestri Marmorana muralis e Paralaoma servilis. Gli uccelli introdotti nell'Arcipelago Toscano sono invece il Fagiano comune (Phasianus colchicus), la Coturnice orientale (Alectoris chukar), il Parrocchetto dal collare (Psittacula krameri) e la Pernice rossa (Alectoris rufa). Tra i mammiferi il Riccio europeo (Erinaceus europaeus), il Coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus), la Lepre europea (Lepus europaeus), il Ratto delle chiaviche (Rattus norvegicus), il Ratto nero (Rattus rattus, il Topolino domestico (Mus musculus), l'Istrice (Hystrix cristata) di cui però non è certa la presenza, il cinghiale (Sus scrofa), il Muflone (Ovis aries), la capra di Montecristo (Capra hircus), gatto domestico rinselvatichito (Felis catus). Il Parco Nazionale è intervenuto riducendo o eliminando alcune di queste specie. In particolare il Ratto nero è stato eliminato totalmente nel 2007 dall'Isola di Giannutri e nel 2012 dall'Isola di Montecristo. Si tratta di due interventi particolarmente impegnativi di cui hanno tratto a breve termine notevole beneficio alcune specie di uccelli marini di interesse conservazionistico, con un netto miglioramento del successo riproduttivo in particolare per la Berta minore (Puffinus yelkouan). Importanti interventi di riduzione del Ratto nero sono stati realizzati anche a Pianosa dove si è intervenuti anche per la riduzione delle popolazioni della Pernice rossa ibridata con la Coturnice orientale, del Fagiano comune (Phasianus colchicus) e del Riccio (erinaceus europaeus). Il Parco Nazionale è poi impegnato fin dalla sua istituzione nel tentativo di ridurre le popolazioni di ungulati (cinghiali e mufloni) dell'Isola d'Elba che causano gravi danni alle colture agricole e agli ecosistemi. Discorso a parte merita la Capra di Montecristo che pur essendo stata introdotta dall'uomo ha un'interesse conservazionistico in quanto l'introduzione è avvenuta in epoca storica, circa 7.000 anni fa, ed è considerata l'unica popolazione italiana di Capra che vive allo stato selvatico.

isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Inverno nel Parco verso il Natale

24-11-2022

Anche in inverno il Parco Naziona...

I segreti delle piante con il corso onli…

24-11-2022

      Nell’ambi...

Parco e Fondazione Acqua dell'Elba stann…

22-11-2022

  IL 2023 PORTERA’ UN NUOVA C...

Presentazioni pubbliche Piani di Gestion…

22-11-2022

  AVVISO PUBBLICO Lunedì 1...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano tr…

14-11-2022

Il Parco Nazionale Arcipelago Tos...

Isola del Giglio - nuova ordinanza del P…

11-11-2022

Isola del Giglio - nuova ordinanz...

I Telefoni del Parco non funzionano dal …

11-11-2022

Si informa che a causa di un ca...

Giannutri: al via le demolizioni degli e…

10-11-2022

  GIANNUTRI: AL VIA LE DEMO...

Sammuri: ecco qual è il vero disastro am…

09-11-2022

Sammuri: ecco qual è il vero disa...

Ordinanza del Presidente del Parco sul P…

28-10-2022

  Pubblicata ordinanza che ...

Guida ai percorsi subacquei del Parco Na…

17-10-2022

  Disponibile da oggi la guid...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano ad…

06-10-2022

Circa un anno fa, nel novembre 20...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento