Giornata mondiale uccelli migratori - Isole sulla rotta dei migratori (galleria fotografica)

9 maggio ricorre la Giornata mondiale degli uccelli migratori e si tratta di una campagna di sensibilizzazione a livello globale che, a partire dal 2006, promuove annualmente la salvaguardia degli uccelli migratori e dei loro habitat naturali. L’iniziativa è organizzata dalla Convenzione sulle Specie Migratrici (CMS) e dall’Accordo sulla Conservazione degli Uccelli Acquatici Migratori dell’Africa-Eurasia (AEWA).

Ecco un contributo di Antonello Marchese Guida Ufficiale del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, Giornalista Pubblicista e Fotografo di Natura.

Piccola galleria fotografica sull’avifauna migratrice

Isole sulla rotta dei migratori

La stagione della migrazione è ormai avanzata e migliaia di uccelli si sono già spostati dalle zone di svernamento meridionali verso le regioni settentrionali. Altri stanno ancora viaggiando verso le loro aree di nidificazione poste a Nord. Il fenomeno della migrazione degli uccelli è un evento naturale che per molto tempo ha però conservato un alone di mistero: si pensi solamente agli auguri etruschi che effettuavano le loro divinazioni osservando proprio il volo degli uccelli. Nel tempo gli studiosi sono riusciti a studiare i consueti viaggi stagionali delle creature alate spiegandoli nella giusta ottica scientifica e biologica, come una ricerca dei luoghi più adatti alla nidificazione e all’allevamento dei propri piccoli, anche se le modalità degli spostamenti presentano degli aspetti al limite dell’incredibile. Stiamo parlando di migrazioni di migliaia di km effettuate da esseri viventi che pesano poche decine di grammi, viaggi che per noi uomini spesso avrebbero connotazioni avventurose anche se effettuate in aereo … Alcune specie viaggiano di giorno, altre di notte per sfuggire ai predatori. Gli uccelli si orientano con le stelle e con il sole, o seguendo le linee del campo magnetico terrestre, oppure osservando e ricordando le linee di costa e altri riferimenti geografici cospicui, percorrendo in certi casi fino a oltre mille chilometri al giorno. Ci sono spostamenti lunghissimi che portano particolari specie da un capo all’altro del pianeta e altri più brevi di poche centinaia o decine di chilometri. Stiamo parlando di un fenomeno che coinvolge centinaia di migliaia di esseri viventi, che avviene sopra le nostre teste e che può però semplicemente sfuggire a un occhio non attento o a chi non osserva la Natura.

Le isole dell’Arcipelago Toscano svolgono un ruolo fondamentale per le specie migratrici che seguono le rotte che attraversano il Mediterraneo, rappresentando zone di sosta dove riposarsi e trovare nutrimento dopo i lunghi viaggi sui flutti, per continuare poi il proprio itinerario. Così mi è capitato di osservare nei periodi di migrazione i piccoli passeriformi arrivare quasi sfiniti a Montecristo, per riposarsi e nutrirsi con i datteri della palma di Cala Maestra e del nettare delle fioriture isolane, energia subito disponibile per poter proseguire l’impegnativo viaggio, o le garzette a pesca nella Darsenetta, presso il porticciolo di Pianosa, e nelle pozze di Cala Giovanna, per fare man bassa dei piccoli muggini nell’acqua poco profonda. Sempre a Pianosa nelle stesse occasioni ho visto l’airone bianco maggiore a caccia delle lucertole, facili e abbondanti prede. Ancora nel silenzio di Pianosa o a passeggio per le alture elbane in aprile è facile sentire l’arrivo degli stormi dei colorati gruccioni con il loro verso liquido e festoso, un suono che è una conferma dell’arrivo della primavera.

All’Elba, al momento delle migrazioni delle specie alate, nelle zone umide di Mola, Le Prade e presso l’ultimo fazzoletto di antiche saline presso il parco delle Terme di San Giovanni, è possibile fare interessanti osservazioni naturalistiche. Qui, tra le altre specie, stanziali e di passo, si possono vedere i più grandi ardeidi, gru, trampolieri e limicoli e quasi ogni giorno è una sorpresa per l’accorto e rispettoso birdwatcher. Ecco una piccola galleria con gli scatti effettuati delle stagioni passate.

 

isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Trofeo un mare di nuoto Isola d'Elba

20-05-2022

Il nuoto in acque libere torna lu...

Il Consiglio Direttivo del Parco ha res…

18-05-2022

Il Consiglio Direttivo riunitosi ...

Capraia Il valore dell'accoglienza della…

11-05-2022

Anche  il PNAT collabora all’o...

Interventi a Galenzana-Capo Poro: il Par…

09-05-2022

Interventi a Galenzana-Capo Poro:...

La conservazione della biodiversità è il…

07-05-2022

(Foto Gabbiano Corso A. De Faveri...

Firmato il rinnovo del Protocollo d' Int…

20-04-2022

GDF ROAN LIVORNO: RINNOVO PROTOCO...

Apre la nuova Casa del Parco all’Isola d…

19-04-2022

  Apre la nuova Casa del Pa...

Taglio del nastro al nuovo allestimento …

14-04-2022

  Il Comandante del Comando...

PLASTIC BUSTER MPAs INFO DAY NAZIONALE …

13-04-2022

Plastic Busters MPAs “INFO DAY” It...

Certificate con la CETS le prime 32 stru…

11-04-2022

    Certificate con la ...

Blue Marine Foundation collabora a un pr…

29-03-2022

  Foto R. Ridi per il PNAT ...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento