• immagine testa sentieri low

sentiero capraia n. 411

  • Partenza:

    incrocio con sentieri n. 403 e 404

  • Arrivo: Punta del Trattoio
  • Tempo medio: 20 min.
  • Lunghezza: 1 km
  • Difficoltà sentiero: E
  • Dislivello in salita: 0 m
  • Ubicazione: Capraia
  • Panoramico: ●●●●●
  • Pianeggiante: ○○○○○
  • Ombreggiato: ●●●○○

Il breve sentiero n. 411, chiamato anche Sentiero del Trattoio, inizia all'incrocio dei sentieri n. 403 e 404, a quota 346 m, nei pressi dell'alloggio della guarnigione addetta alla postazione semaforica del Monte Arpagna, chiamato Case Colombaie, e scende per circa 1 km il crinale che divide gli impluvi del Fosso del Regolo a nord e del Fosso della Cote a sud, per terminare a quota 165 m, dove un tempo era funzionante il semaforo di Punta del Trattoio, estremità occidentale dell'isola. Da qui è ben visibile Capo Corso ed il panorama sulla parte settentrionale della Corsica è magnifico. Il tracciato consente anche di apprezzare la particolarità della costa occidentale di Capraia, caratterizzata da falesie più ripide e scoscese di quelle del versante opposto. Poco distante da Punta del Trattoio, appena sottocosta verso nord, è visibile l'isolotto de La Peraiola, mentre più in lontananza, nella stessa direzione, si osserva l'Isola di Gorgona. Verso sud, dietro Punta delle Cote, si trova la Grotta della Foca Monaca, luogo di un avvistamento eccezionale di Foca Monaca avvenuto nell'estate 2020, a circa settantanni dall'ultimo avvistamento di questa specie, rara nella parte settentrionale del Mediterraneo. Lungo gran parte del sentiero la vegetazione copre la visuale del cielo, formando una sorta di tunnel: si tratta dello stadio vegetazionale più evoluto della Macchia Mediterranea, cioè la cosiddetta macchia alta o macchia-foresta caratterizzata, in questo caso, dal corbezzolo associato all'erica. Questo tipo di vegetazione comprende anche altri arbusti sempreverdi come il lentisco, la fillirea, l'alaterno ed il mirto dal profumo inconfondibile. Non è il tipo di vegetazione più diffusa a Capraia, più frequente è la macchia bassa, in particolare la macchia a cisti, in cui la specie prevalente è il Cisto Marino, che in primavera esplode in meravigliose fioriture tingendo di bianco la sempreverde Macchia Mediterranea.

isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Mufloni al Giglio – Il Presidente Sammur…

29-11-2021

COMUNICATO STAMPA – 27.11.2021 M...

Corso intensivo di introduzione all’api…

16-11-2021

  Corso intensivo gratuito ...

Parco e Università di Pisa per lo studio…

12-11-2021

Il Parco Nazionale Arcipelago Tos...

Anche l’Elba partecipa alla “caccia” all…

26-10-2021

L’Associazione Astrofili Elbani e...

Motociclisti in piena area protetta sui…

19-10-2021

Grazie al pronto intervento dei m...

Un Mare di Nuoto: con Neptune nelle acqu…

07-10-2021

Sabato 16 e Domenica 17 Ottobre s...

Gli eventi della “Settimana del Pianeta …

06-10-2021

La geologia dell’Isola d’Elba è r...

Conoscere Mola e le sue creature. Appunt…

29-09-2021

Domenica 3 ottobre Legambiente Ar...

5 ottobre 2021 il programma della Giorna…

27-09-2021

    Il Parco Naz...

Il Parco sotto esame per il rinnovo dell…

24-09-2021

Il Parco sotto esame per il rinno...

Si arricchisce la rete sentieristica de…

17-09-2021

  Sono stati completati in ...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano p…

07-09-2021

Riflettori accesi sul Parco Nazio...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento