• delfini

Posidonia oceanica


Se passeggiando sulla spiaggia si incontrano cumuli color marrone di sostanza vegetale che seccano al sole, o se mettendosi la maschera si osserva un prato sommerso che ondeggia come grano al vento, allora ci siamo imbattuti nella posidonia (Posidonia oceanica), una pianta marina che non ha niente a che vedere con le alghe con cui è erroneamente confusa. La posidonia è una "pianta superiore" endemica del Mar Mediterraneo e per trovare altre sue congeneriche occorre raggiungere le coste meridionali dell’Australia. Generalmente è presente dalla superficie marina fino a circa 30-40 metri, dove normalmente trova condizioni di illuminazione sufficiente a svolgere la fotosintesi. Colonizza substrati molli a sabbia o detriti e, grazie a questa sua esigenza ecologica, interrompe la monotonia dei fondali sabbiosi, andando a costituire delle vere proprie "oasi" per molte alghe ed animali. Le funzioni della prateria a posidonia sono molteplici e di fondamentale importanza per la vita dell’ambiente marino. In primo luogo può essere definita il "polmone verde" del Mediterraneo, grazie alla capacità di ossigenare le acque producendo di media 14 litri di ossigeno al giorno per metro quadro. E’ inoltre fondamentale per la sopravvivenza di numerose specie di pesci, molluschi, echinodermi, crostacei ecc., che la utilizzano come un vero e proprio asilo nido deponendovi le uova, sicuri del nascondiglio offerto dal denso fogliame. Infine è di importanza basilare la protezione operata dalle praterie nei confronti dell’erosione delle coste che si esplica con la creazione di una vera e propria barriera utile ad attenuare la forza delle onde. La posidonia però è costantemente minacciata da azioni compiute dall’uomo: la pesca a strascico, ad esempio, danneggia in modo irreparabile le sue piante; l’ancoraggio selvaggio delle barche, strappando grandi quantità di foglie e fusti, crea delle ferite che, con il passare del tempo, tendono ad allargarsi, minando la struttura stessa della prateria. Inoltre la sensibilità di questa pianta all’inquinamento chimico e organico, la fa ritenere un buon indicatore biologico della qualità delle acque, ma la mette in pericolo perché continuamente attaccata da molteplici fattori. Ben presente sui fondali dell’Arcipelago toscano è un buon testimone che certifica la qualità di questo ambiente. Pianosa registra la prateria di posidonia più importante del Tirreno settentrionale, con un'ampia fascia che circonda l’isola colonizzata da densi fasci di foglie. Gorgona, Capraia, Montecristo, Giglio e Giannutri vedono invece la prateria ridotta ad una zona costiera, vista la pendenza di fondali rocciosi che sprofondano velocemente nel blu e la scarsa quantità di baie con basso fondale. Anche all’Elba è possibile osservare normalmente questa pianta e le praterie sono più o meno in buono stato in dipendenza di localizzazioni specifiche e quindi di ambienti più o meno favorevoli. La Posidonia oceanica è una pianta marina, appartenente alle fanerogame è caratterizzata dall'avere una struttura suddivisa in organi, ciascuno con funzioni specializzate: le radici, con la funzione di assorbire sostanze nutrienti ed ancorarla al terreno; il fusto o rizoma, che sostiene e trasporta le sostanze dalle radici alle foglie e viceversa; le foglie, che svolgono la fotosintesi e i fiori proposti alla fase riproduttiva. Il rizoma lignificato può accrescersi sia in senso orizzontale che verticale, dal fusto orizzontale si sviluppano ad intervalli regolari, ventralmente, ciuffi di radici e, verso l’alto, porzioni di fusto verticale a sostegno dei fasci di foglie. Quest’ultime, nastriformi, sono organizzate in fasci di 5-6 elementi che possono arrivare alla lunghezza record di circa 1 metro. Ogni foglia risulta costituita da due parti, una basale non pigmentata, che rimane sulla pianta anche dopo la caduta, ed una verde che costituisce la superficie fotosintetizzante. La loro crescita avviene con formazione di nuovo tessuto dalla base e per questo l’apice, che costituisce la zona più vecchia, si colora di marrone e viene colonizzato da una varia comunità di organismi vegetali ed animali. Lo sviluppo verticale impedisce l’insabbiamento delle piante e crea insieme alle radici e ai rizomi striscianti un fitto intreccio che favorisce il processo di consolidamento delle sabbie con la crescita di una sorta di terrazzi o isolotti detti "matte", che possono raggiungere spessori di qualche metro anche se con una crescita media di 1 metro ogni cento anni. Il metodo principale di riproduzione avviene per via asessuata con la "stolonizzazione" e per via sessuata attraverso fiori ermafroditi. Il fiore, costituito infatti da una parte maschile ed una femminile, è riunito in infiorescenze poste su uno stelo inserito al centro del ciuffo di foglie. Una volta fecondato, nel periodo estivo, si sviluppa il frutto detto, per la sua forma, "oliva di mare" che grazie alle sue proprietà galleggianti favorisce la dispersione della specie. Un altro particolare prodotto della posidonia che si ritrova spiaggiato è costituito dalle "palle di mare" o aegagropile, infatti la loro analisi rivelerà la presenza di un ammasso di residui di fibre di foglie, che cadute sul fondo del mare vengono appallottolate dal costante movimento delle onde di risacca.

isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Inverno nel Parco verso il Natale

24-11-2022

Anche in inverno il Parco Naziona...

I segreti delle piante con il corso onli…

24-11-2022

      Nell’ambi...

Parco e Fondazione Acqua dell'Elba stann…

22-11-2022

  IL 2023 PORTERA’ UN NUOVA C...

Presentazioni pubbliche Piani di Gestion…

22-11-2022

  AVVISO PUBBLICO Lunedì 1...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano tr…

14-11-2022

Il Parco Nazionale Arcipelago Tos...

Isola del Giglio - nuova ordinanza del P…

11-11-2022

Isola del Giglio - nuova ordinanz...

I Telefoni del Parco non funzionano dal …

11-11-2022

Si informa che a causa di un ca...

Giannutri: al via le demolizioni degli e…

10-11-2022

  GIANNUTRI: AL VIA LE DEMO...

Sammuri: ecco qual è il vero disastro am…

09-11-2022

Sammuri: ecco qual è il vero disa...

Ordinanza del Presidente del Parco sul P…

28-10-2022

  Pubblicata ordinanza che ...

Guida ai percorsi subacquei del Parco Na…

17-10-2022

  Disponibile da oggi la guid...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano ad…

06-10-2022

Circa un anno fa, nel novembre 20...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento