• delfini
  • Home
  • Visitare il Parco
  • Gorgona

Isola di Gorgona

Gorgona è la più piccola delle isole del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano (2,23 kmq) ed è anche la più settentrionale. Dista 36 km da Livorno (da cui dipende amministrativamente) ed ha uno sviluppo costiero di poco più di 5 km.

Il territorio montuoso, nel versante occidentale, culmina a m 225 nella Punta Gorgona, mentre il versante orientale è attraversato da tre piccole vallate, la più settentrionale delle quali scende fino al mare presso la piccola spiaggia ed il villaggio dove si trova l’approdo di Cala dello Scalo.

Nonostante la mancanza di corsi d’acqua, l’isola è autosufficiente grazie alla presenza di pozzi profondi e produttivi. Circa 10 km di strade in terra battuta collegano fra loro vari fabbricati e aree destinate all’allevamento e alle colture.

Il centro principale dell’isola è un piccolo villaggio che corona il porticciolo. Salendo verso l’interno si trovano due antiche fortificazioni: la Torre Vecchia, pisana, e la Torre Nova, medicea. Interessante è la Chiesa di San Gorgonio, fortificata, mentre Villa Margherita, costruita su resti romani, oggi è sede del penitenziario. Alla sommità dell’isola si trova il complesso della seconda metà dell’Ottocento che originariamente ospitava il faro dismesso nel 1975.

Ci sono prove della presenza dell’uomo sull’isola già dal Neolitico. Nell’antichità classica era già conosciuta come Urgo, Gorgon e Orgòn. Nel 591 d.C. l’abate Orosio vi fondò un monastero dove si veneravano le reliquie di San Gorgonio. L’isola venne poi abitata in maniera discontinua nel XII-XIII secolo e soggetta a frequenti incursioni barbariche. Monaci e piccole guarnigioni militari resistettero presidiando l’isola fino al XVII secolo. Dopo un periodo di abbandono nel 1869 fu insediata la colonia penale agricola tutt'ora carcere attivo.

 PER VISITARE L’ISOLA BISOGNA SAPERE CHE 

Dal 28 febbraio 2019 è stato riattivato il collegamento di trasporto marittimo per passeggeri tra Livorno e Gorgona, ad opera della società Toremar.  La Toremar effettuerà il servizio due volte la settimana con la collaborazione di Toscana Minicrociere.

LINEE GUIDA FRUIZIONE aggiornate al 30.8.2019

MAPPA PERCORSI

 

PRENOTAZIONI VISITE CON IL PARCO 

La visita con il Parco si prenota on line  qui     per ulteriori informazioni si puo' chiamare l'ufficio INFO Park (Tel 0565 908231).

ATTENZIONE IL SISTEMA INIBISCE LA PRENOTAZIONE ALLA MEZZANOTTE DELLA DOMENICA PRECEDENTE LA DATA DELLA ESCURSIONE. Questo perchè, per  avere la conferma della prenotazione dall'Amministrazione Penitenziaria,  è necessario compilare il form completo di tutti i dati anagrafici  che verranno trasmessi alla Polizia Penitenziaria per i necessari controlli. Si avvisa che le persone che hanno carichi giudiziari pendenti non saranno ammessi alla visita; il controllo e l’eventuale diniego potrebbe essere comunicato il giorno stesso dell’escursione. Ricordiamo che il casellario giudiziale può non essere attendibile ai fini del controllo che viene effettuato direttamente dai Corpi di Polizia con accesso ad un database interno (può verificarsi il caso che un nominativo, per eventuali trascorsi, possa essere presente in tale data base, anche in presenza di risoluzione dell’iter giudiziario, per cui la cancellazione va chiesta direttamente al Questore del proprio luogo di residenza).

 CALENDARIO DELLE VISITE CON IL PARCO

6  e 13 aprile

18 e 25 maggio 

1, 8, 15, 22  e 29 giugno

6,13, 20 e 27 luglio 

3, 10, 17 24 e 31 agosto 

7 e 14 settembre 

L’ESCURSIONE

Gorgona è inserita totalmente nel perimetro del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano ed è sede di un carcere attivo, per cui non è possibile muoversi liberamente sull’isola. Le visite organizzate dal Parco  sono svolte con  accompagnamento  della Guida  lungo un percorso prestabilito.

Le escursioni possono essere effettuate solo se si è dotati di scarpe da trekking (scuola scolpita). Il giudizio sull’adeguatezza delle calzature è a carico della guida ed è insindacabile. In caso di abbigliamento non adeguato la guida può decidere di non far partecipare alla visita. Non sono presenti fonti d'acqua, per cui è importante esserne forniti autonomamente.

L'itinerario presenta uno sviluppo di circa 7 km, con un dislivello totale in salita di circa 300 m.

Da Cala dello Scalo, si segue la via principale che, passando davanti ai ruderi della antica Villa romana di Gorgona, raggiunge il terrazzo panoramico del Belvedere, qui si trova lo stabile (ex magazzino dei monaci certosini) dove c'è il piccolo bar gestito dalla amministrazione penitenziaria. Qui generalmente viene fatta una breve sosta per un caffè e l'utilizzo dei servizi igienici prima della partenza per l'escursione (dal porto al Belvedere ci sono 500 m circa).

L'escursione prosegue  quindi dal terrazzo del Belvedere, raggiunge la Torre Nuova (che è di origine medicea e si trova nella parte alta del paese, a protezione del porto) e quindi si allontana dal paese. Il percorso utilizza le strade sterrate realizzate dalla Amministrazione Penitenziaria: raggiunge Punta Paratella, da cui è possibile un affaccio magnifico su Cala Maestra e, tornando indietro di poche centinaia di metri, prende la deviazione che conduce al piccolo cimitero storico dell'isola e quindi alla Rocca Vecchia, la più antica fortificazione dell'isola, di epoca pisana.

 Non è consentito lasciare sull’isola alcun tipo di rifiuto (dotarsi di apposito contenitore per il recupero e il trasporto).

 L’isola è sotto la sorveglianza della Polizia Penitenziaria.

I COSTI DELLA VISITA CON IL PARCO

Costo € 45 intero - € 36 da 4 a 12 anni - gratuito da 0 a 4 anni. Il costo è comprensivo di trasporto marittimo a/r, ticket di accesso area protetta, servizio Guida.

Difficoltà: medio – facile. Itinerario escursionistico parzialmente all’ombra.

ABBIGLIAMENTO E CONSIGLI PER LA VISITA

In ragione delle caratteristiche ambientali dell’Isola e delle modalità con le quali viene condotta la visita guidata, si forniscono di seguito i comportamenti e gli accorgimenti da adottare.

L’abbigliamento deve essere comodo e leggero. In primavera ed autunno è consigliato l’uso di una giacca antivento ed impermeabile, con indumenti a strati per evitare eccessiva sudorazione ed essere equipaggiati contro il vento.

Le escursioni possono essere effettuate solo se si è dotati di scarpe da trekking (scuola scolpita)

Sono consigliate calze tecniche per evitare eccessiva sudorazione.

Sono consigliati bastoncini da trekking; possono essere utili, soprattutto per l’equilibrio e rappresentano un ottimo modo per scaricare parte del peso sulle braccia diminuendo il carico per gambe e spina dorsale.

Si consiglia l’uso di un di cappellino per il sole e di crema solare e occhiali da sole.

Dotarsi di sufficiente scorta di acqua (almeno 1,5 lt.). Il partecipante dovrà organizzarsi per il proprio pranzo che sarà consumato al sacco. Sull’isola non è prevista la possibilità di approvvigionamento idrico, né di acquisto di cibo e bevande di alcun genere. E’ consigliabile dotarsi di binocolo e di taccuino per registrare le eventuali osservazioni naturalistiche.

 INDICAZIONE PORTI E ORARI D’IMBARCO

I passeggeri devono presentarsi al molo d’imbarco 30 minuti prima della partenza muniti dei documenti d’identità indicati in fase di prenotazione.

Dal 1 aprile al 31 maggio. Partenza da Livorno – Porto Mediceo, Molo Elba

Imbarco dalle ore 08.15

Partenza da Livorno ore 08.45

Arrivo a Gorgona ore 10.00

Partenza da Gorgona ore 17.00

Arrivo a Livorno ore 18.30

 

Dal 1 giugno al 30 settembre. Partenza da Livorno – Porto Mediceo, Molo Elba

Imbarco dalle ore 7.45

Partenza da Livorno ore 08.15

Arrivo a Gorgona ore 9.30

Partenza da Gorgona ore 18.15

Arrivo a Livorno ore 19.30

 

Zone tutelate

  • A terra: tutto il territorio è protetto e diviso in zone con diversi livelli di protezione. Zona B di riserva generale orientata, zona C di protezione che comprende le zone abitate e coltivate.
  • A mare: fino ad un chilometro dalla costa arriva la zona 1, ad eccezione di un corridoio d’attracco in corrispondenza di cala dello Scalo che si trova tra due fasce di zona 2.

In zona 1 sono vietati l’accesso, la navigazione, la sosta, l’ancoraggio, la pesca, l’immersione.
In zona 2 accesso, navigazione, sosta, ancoraggio e immersione sono regolamentati dalla Direzione della Casa di Reclusione.

Mappa gorgona

Natura

Nonostante le aree interessate dall’attività agricola l’isola è ancora oggi selvaggia grazie alla sua conformazione montuosa e impervia. Dal punto di vista geologico è caratterizzata principalmente da antichi calcari, gneiss, micascisti e rocce ofiolitiche.

Essendo il clima fresco e umido la vegetazione ricopre il 90% del territorio ed ospita oltre 400 specie floristiche. Avvicinandosi all’isola verso la fine di aprile colpisce la spettacolare colorazione azzurro violacea dovuta alla fioritura del rosmarino, abbondantissimo nella macchia; insieme a questo si trovano erica, mirto, lentisco, cisti filliree  e corbezzolo, mentre rari sono il ginepro fenicio, l’orniello e l’alaterno. Nelle parti centrali dell’isola e sui lati delle vallette domina il pino d’Aleppo mentre nelle zone esposte a nord si alternano alcune piccole leccete. Sulle rocce costiere sono frequenti il finocchio di mare, la cineraria marittima, e il Limonium gorgonae, l’unica specie strettamente endemica.

L’isola, molto ventosa, offre comunque, per via della sua conformazione orografica, ampie zone di ridosso favorendo la creazione di habitat adatti per le diverse specie di avifauna. E’ meta di nidificazione per numerosi piccoli uccelli ed è luogo di sosta e di riposo per i migratori che in primavera e a fine estate transitano sul Mediterraneo. A Gorgona nidificano inoltre: il Marangone dal ciuffo, mentre la Berta maggiore e quella minore sono più rare. Anche il Falco pellegrino  e il Gheppio trovano qui il luogo adatto per allevare i piccoli.

Le zone di mare che circondano l’isola sono ricchissime sotto tutti gli aspetti poiché la protezione assicurata dalla colonia penale ha evitato ogni impatto dovuto alla pesca e alla frequentazione dell’uomo. Per questo motivo è oggetto di studi e ricerche. E’ facile vedere delfini e balene di passaggio lungo le rotte che li portano verso i luoghi di pesca, siamo infatti nel centro del Santuario Internazionale dei Cetacei.

logo isoleditoscana MaB vecchie stelle webLOGO UNESCO MAB En color.jpg    IT logo CETS    logo federparchi

Ultime News

Riaperta la ferrata del Monte Capanne al…

25-10-2019

VIDEO A inizio ottobre la ferrat...

L'Isola d'Elba in autunno Otto appuntame…

22-10-2019

Il Parco con il Walking Festival ...

Il 14 ottobre Giornata mondiale dell’edu…

11-10-2019

Si celebra il 14 ottobre* la Gior...

13-20 ottobre Settimana pianeta Terra- e…

27-09-2019

 Il Parco Nazionale arcipela...

Progetto NEPTUNE : PatrimoNio naturalE e…

19-09-2019

  MODULO RICHIESTA ISCRIZIO...

Festival del Camminare autunno 2019

10-09-2019

  Camminate autunnali con i...

Isola di Giannutri, sub volontari pulisc…

09-09-2019

   VIDEO  Isola ...

Eletto il nuovo Presidente della Comunit…

06-08-2019

  COMUNITÀ DEL PARCO NAZION...

La villa Romana di Giannutri visite guid…

12-07-2019

  Giannutri, la piu' meridi...

Attività e laboratori didattici per bamb…

01-07-2019

  Clicca sull'immagine per ...

Montecristo tornano a volare le farfal…

21-06-2019

  Montecristo via i ratti t...

Portoferraio - Località Enfola

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento