• immagine testa sentieri low

Sentiero Elba n. 104

  • Partenza:

    Pomonte

  • Arrivo: bivio sentiero n. 103
  • Tempo medio: 45 min.
  • Lunghezza: 2,3 km
  • Difficoltà sentiero: E
  • Dislivello in salita: 425 m
  • Ubicazione: Elba Occidentale
  • Panoramico: ●●●●●
  • Pianeggiante: ○○○○○
  • Ombreggiato: ○○○○○
  • Punti di interesse:

    terrazzamenti


Il sentiero n. 104 percorre la destra orografica della valle di Pomonte, collegando il paese al sentiero n. 103.
Nella valle la Macchia Mediterranea sta riconquistando un territorio coltivato per secoli, si possono ammirare muretti a secco che sostengono i terrazzamenti, indispensabili per l'impianto dei vigneti sui pendii.
Immaginate come si presentava la valle solamente fino ad alcuni decenni fa: interamente tappezzata di vitigni.
La zona è stata spesso colpita da incendi. Nella parte alta del sentiero si nota infatti la presenza abbondante di una specie che colonizza le aree attraversate dal fuoco: il cisto marino (Cistus monspeliensis).
Si tratta delle cosiddette garighe a dominanza di cisto in cui è rilevante la presenza della lavanda (Lavandula stoechas). Sono formazioni basse, abbastanza dense, in cui la scarsa copertura offerta dalla chioma del cisto permette l'insediamento di piccole specie erbacee che determinano l'elevata ricchezza floristica di questo tipo di vegetazione.
Appena imboccato il sentiero si nota il piano di calpestio lastricato, testimonianza di un passato in cui questa via era il principale e più sicuro collegamento con Marciana.
Il sentiero n. 104 termina nei pressi del crinale che divide le valli di Chiessi e Pomonte dove si collega con il sentiero n. 103: svoltando a destra si prosegue fino a Marciana, svoltando a sinistra si scende a Chiessi da dove, tramite il sentiero n. 126, si può rientrare a Pomonte disegnando un bel percorso ad anello.
Sul crinale, a breve distanza dal bivio, utilizzando il sentiero n. 103 A, percorribile in circa 10 minuti, è possibile osservare i ruderi della chiesa di San Bartolomeo, posta sotto l'omonino colle.
La tradizione popolare tramanda curiose leggende su questo luogo di culto, da cui si gode un panorama mozzafiato, rendendo questo sito ancora più affascinante.


isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Avviati i lavori di efficientamento ener…

08-02-2023

Lo scorso 16 gennaio è stato aper...

Esperienza esclusiva a contatto con la n…

07-02-2023

 Due proposte di escursione ...

Online il programma 2023 delle attività …

03-02-2023

Online la pubblicazione Vivere il...

Finanziati 21 progetti di educazione amb…

02-02-2023

  Approvati 21 progetti di ...

Dal 4 febbraio 2023 prenotazioni online …

01-02-2023

Nella foto Punta Paratella  ...

L’impegno del Parco Nazionale Arcipelago…

31-01-2023

  Cavolo torso e pomodoro d...

Siglato il Piano Operativo 2023 del Repa…

25-01-2023

  Siglato il Piano Operativo ...

Da sabato 28 gennaio si potrà prenotare …

25-01-2023

Dalle ore 9 di sabato 28 gennaio s...

Continua l’impegno del Parco Nazionale p…

10-01-2023

      Il Presiden...

Identificato e sanzionato l'autore dell…

09-01-2023

Comunicato stampa congiunto PNAT ...

PARCO NAZIONALE ARCIPELAGO TOSCANO: LE …

22-12-2022

    Nel consueto moment...

Giornata della Trasparenza del Parco N…

15-12-2022

Il Presidente e il Direttore invita...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento