• pianosa1
  • elba
  • capraia
  • giannutri
  • giglio
  • gorgona
  • montecristo
  • Pianosa L'isola del silenzio

  • Elba la regina dell'Arcipelago

  • Capraia natura selvaggia emersa dal mare

  • Giannutri il gioiello nel blu

  • Giglio la perla delle baie turchesi

  • Gorgona una splendida isola carcere

  • Montecristo un tesoro di biodiversità


Le garighe

La macchia mediterranea, l’associazione vegetale tipica del bacino del Mediterraneo, è presente nell’Arcipelago Toscano con diverse tipologie che si sviluppano in relazione alle attività antropiche, come pastorizia e tagli boschivi esercitate dall’uomo in passato, dagli incendi e dai fattori ambientali caratteristici di una determinata zona.
Le diverse tipologie si distribuiscono su una serie evolutiva.
Laddove le attività antropiche sono state particolarmente intense nel corso del tempo, i terreni poveri e rocciosi, l’ambiente caratterizzato da elevata luminosità, temperatura e aridità la macchia mediterranea si trova nello stadio più degradato.
Si tratta della gariga, associazione vegetale costituita da piccoli arbusti e suffrutici, alti non più di 0,5-0,7 m.
I suffrutici sono piante legnose perenni (differenti dalle piante annuali che compiono il loro ciclo vitale in uno o due anni), i cui getti annui, erbacei, si lignificano solo nella parte basale, mentre, dopo la fruttificazione, si seccano nella parte restante, per un tratto più o meno lungo.
Questa associazione è tipica delle zone colpite da incendi, sfruttate dalla pastorizia o dai tagli boschivi.
Lo stadio evolutivo successivo alla gariga è la macchia bassa.
Le garighe più diffuse all'Isola d'Elba sono: garighe a dominanza di rosmarino e cisto marino, presenti soprattutto sui versanti meridionali ad altitudini non superiori ai 200 m; garighe a dominanza di cisto, occupano vaste superfici della parte orientale dell'isola, in partcolare lungo la dorsale Monte Castello-Monte Strega, sui versanti del Monte Calamita e in quelli sud-occidentali; garighe sommitali a dominanza di cisto e euforbia spinosa, tipiche dei suoli ofiolitici, alcune limitate stazioni si trovano tra San Piero e Sant'Ilario e tra Marciana e Poggio; garighe sommitali a dominanza di Genista desoleana, tipiche delle zone alte e scoperte del comprensorio del Monte Capanne.

gariga enfola marchesegariga limonium  

isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Avviso gara su Start per affidamento ser…

11-01-2022

  Si rende noto che è indetta...

L’impegno del PNAT per il contrasto al c…

27-12-2021

  Nel consueto momento di c...

Gli impollinatori: tanto sconosciuti, qu…

14-12-2021

Nella foto di Forbicioni un Erist...

Il PNAT festeggia il trentennale della L…

06-12-2021

  Ricorre oggi 6 dicembre, ...

Club Alpino Italiano e Parco Nazionale A…

01-12-2021

  Club Alpino Italiano e Pa...

MUFLONI GIGLIO: INTESA FRA PARCO, WWF E …

30-11-2021

  Premesso che in passato son...

Operazione Bora Bora a Montecristo, un m…

30-11-2021

  . Il 29 novembre alle ore ...

Mufloni al Giglio – Il Presidente Sammur…

29-11-2021

COMUNICATO STAMPA – 27.11.2021 M...

Corso intensivo di introduzione all’api…

16-11-2021

  Corso intensivo gratuito ...

Parco e Università di Pisa per lo studio…

12-11-2021

Il Parco Nazionale Arcipelago Tos...

Anche l’Elba partecipa alla “caccia” all…

26-10-2021

L’Associazione Astrofili Elbani e...

Motociclisti in piena area protetta sui…

19-10-2021

Grazie al pronto intervento dei m...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento