• pianosa1
  • elba
  • capraia
  • giannutri
  • giglio
  • gorgona
  • montecristo
  • Pianosa L'isola del silenzio

  • Elba la regina dell'Arcipelago

  • Capraia natura selvaggia emersa dal mare

  • Giannutri il gioiello nel blu

  • Giglio la perla delle baie turchesi

  • Gorgona una splendida isola carcere

  • Montecristo un tesoro di biodiversità

Il Caprile

Il caprile è una struttura pastorale tipica del settore occidentale dell'Isola d'Elba.
Si compone di tre elementi: il caprile (recinto in pietra), la capanna o grottino (riparo in pietra, esterno, per la produzione di formaggi e ricotte), il grigolo (riparo interno per animali).
E' costituito da un recinto ellittico o circolare di bozze granitiche, ad unico ingresso, entro il quale venivano radunate le capre al momento della mungitura che avveniva utilizzando dei rustici contenitori chiamati mungitoie.
Per poter essere munte, le capre venivano bloccate con una sbarra di legno collocata di traverso allo stretto ingresso.
Durante lo svezzamento i capretti, ai quali era messo in bocca un pezzetto di legno di Erica arborea detto bavello, venivano isolati nei grigoli, piccoli anditi in pietra, muniti di copertura, all'interno del caprile stesso.
Accanto al caprile si trova il domolito, ossia una costruzione in pietra a secco (nel marcianese detta capanna, nel sanpierese grottino) dove i pastori preparavano i formaggi; sul territorio elbano se ne contano una trentina, la maggior parte dei quali costruiti nel secolo scorso.
Il domolito, il cui ingresso è posto in direzione contraria rispetto ai venti dominanti, presenta una pseudocupola costituita da lastre di granodiorite disposte con un'inclinazione che non permette l'entrata d'acqua in caso di pioggia.
Un grosso caldaro di rame, appeso all'interno della struttura e contenente latte appena munto, veniva riscaldato con un fuoco.
Il caglio veniva poi decompattato con la rompitoia, un bastone triforcuto in legno di corbezzolo e il siero che ne derivava era chiamato, con un evidente latinismo, seriucola (da serum, siero); i formaggi, che erano prodotti in piccole forme coniche o cilindriche (cascine) di giunchi intrecciati, si distinguevano in ricotte, cacetti e baccelloni; venivano disposti in catini con foglie di felce (Pteridium aquilinum) ed inviati alla vendita nei paesi dell'isola.

caprile gmcaprile2  

isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Avviso gara su Start per affidamento ser…

11-01-2022

  Si rende noto che è indetta...

L’impegno del PNAT per il contrasto al c…

27-12-2021

  Nel consueto momento di c...

Gli impollinatori: tanto sconosciuti, qu…

14-12-2021

Nella foto di Forbicioni un Erist...

Il PNAT festeggia il trentennale della L…

06-12-2021

  Ricorre oggi 6 dicembre, ...

Club Alpino Italiano e Parco Nazionale A…

01-12-2021

  Club Alpino Italiano e Pa...

MUFLONI GIGLIO: INTESA FRA PARCO, WWF E …

30-11-2021

  Premesso che in passato son...

Operazione Bora Bora a Montecristo, un m…

30-11-2021

  . Il 29 novembre alle ore ...

Mufloni al Giglio – Il Presidente Sammur…

29-11-2021

COMUNICATO STAMPA – 27.11.2021 M...

Corso intensivo di introduzione all’api…

16-11-2021

  Corso intensivo gratuito ...

Parco e Università di Pisa per lo studio…

12-11-2021

Il Parco Nazionale Arcipelago Tos...

Anche l’Elba partecipa alla “caccia” all…

26-10-2021

L’Associazione Astrofili Elbani e...

Motociclisti in piena area protetta sui…

19-10-2021

Grazie al pronto intervento dei m...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento