• pianosa1
  • elba
  • capraia
  • giannutri
  • giglio
  • gorgona
  • montecristo
  • Pianosa L'isola del silenzio

  • Elba la regina dell'Arcipelago

  • Capraia natura selvaggia emersa dal mare

  • Giannutri il gioiello nel blu

  • Giglio la perla delle baie turchesi

  • Gorgona una splendida isola carcere

  • Montecristo un tesoro di biodiversità


Sughera

Nome volgare: Sughera
Nome scientifico: Quercus suber
Descrizione: albero sempreverde alto non più di 15-20 m con chioma globosa, spesso irregolare, di colore verde cupo. Tronco sinuoso, diviso e biforcato in rami tortuosi e contorti, con una spessa corteccia biancastra profondamente screpolata, rossastra all'interno. Foglie ovate, di colore verde scuro lucido sulla pagina superiore, grigio tementose su quella inferiore a margine spesso revoluto, liscio o dentato e pungente, specialmente nelle parti basse della pianta. Come tutte le querce ha infiorescenze maschili raccolte in ciuffi, giallastre, pendule, mentre quelle femminili sono all'ascella delle foglie. Fiorisce in aprile-maggio. I frutti sono ghiande (2-3 cm) con punta breve e cupula conica, avvolgente, caratterizzata da squame grigio tomentose.
Distribuzione: in origine la sughera formava, insieme al leccio, boschi misti. L'uomo, però, nel corso dei secoli, ha favorito lo sviluppo di boschi di boschi dominati da questa specie per raccoglierne la corteccia; per questo non si trovano estese formazioni boschive, ma solo boschetti isolati distribuiti essenzialmente nella parte centrale fra Portoferraio e Porto Azzurro e nella zona attorno a Capoliveri. La sughereta non offre spesso una copertura densa e costante per cui nel sottobosco sono presenti specie tolleranti all'ombra, arbustive ed erbacee. La sughera presenta esigenze ecologiche di maggiore umidità rispetto al leccio, all'isola d'elba sembra mal tollerare i substrati rocciosi e i terreni in pendenza. Un tempo la corteccia veniva asportata periodicamente ogni 9-10 anni lasciando a nudo il tronco dal caratteristico colore rugginoso. Il sughero era impiegato dai pescatori per i galleggianti delle reti e dagli agricoltori per farne tappi per i contenitori vinari.


isole MAB 2021
IT logo CETS    logo federparchi logo iunc

Ultime News

Avviso gara su Start per affidamento ser…

11-01-2022

  Si rende noto che è indetta...

L’impegno del PNAT per il contrasto al c…

27-12-2021

  Nel consueto momento di c...

Gli impollinatori: tanto sconosciuti, qu…

14-12-2021

Nella foto di Forbicioni un Erist...

Il PNAT festeggia il trentennale della L…

06-12-2021

  Ricorre oggi 6 dicembre, ...

Club Alpino Italiano e Parco Nazionale A…

01-12-2021

  Club Alpino Italiano e Pa...

MUFLONI GIGLIO: INTESA FRA PARCO, WWF E …

30-11-2021

  Premesso che in passato son...

Operazione Bora Bora a Montecristo, un m…

30-11-2021

  . Il 29 novembre alle ore ...

Mufloni al Giglio – Il Presidente Sammur…

29-11-2021

COMUNICATO STAMPA – 27.11.2021 M...

Corso intensivo di introduzione all’api…

16-11-2021

  Corso intensivo gratuito ...

Parco e Università di Pisa per lo studio…

12-11-2021

Il Parco Nazionale Arcipelago Tos...

Anche l’Elba partecipa alla “caccia” all…

26-10-2021

L’Associazione Astrofili Elbani e...

Motociclisti in piena area protetta sui…

19-10-2021

Grazie al pronto intervento dei m...

Portoferraio  (LI) 57037 - Località Enfola n.16 

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 | P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento