• sentieri

Elba - le Dune: un habitat da salvare

Lunghezza: 500 metri
Difficoltà: tratto breve e di facile accesso.

Come si raggiunge

Lungo il versante meridionale dell'Elba, si scopre l'abitato di Lacona, situato alle spalle dell'ampio golfo e raggiungibile anche con mezzi pubblici nel periodo turistico. Dalla litoranea l'accesso per la spiaggia può avvenire in prossimità dell'insegna di una discoteca dove si apre uno stradello che attraversa la pineta e quindi si immette sulla duna.

Cosa si può osservare

Alle spalle del tratto di circa 500 m di spiaggia, molto frequentata in estate, sono tuttora visibili lembi di dune naturali, in larga parte decapitate dall'inserimento di pinete artificiali e degradate dallo spianamento effettuato per la fruizione. Si tratta tuttavia dell'unico esempio di habitat naturale di costa sabbiosa superstite in tutto l'Arcipelago Toscano e, per questo, assai meritevole di difesa attiva. La convivenza con il turismo è possibile e si stanno attuando azioni per contrastare la perdita del patrimonio di biodiversità. E' nata così l'idea, da parte di un gruppo di privati cittadini della comunità elbana, costituita da nativi ed adottivi, gli "Amici delle dune di Lacona", di attivarsi per organizzare una raccolta fondi per acquisire le aree poste in vendita, destinandole per sempre a finalità educative e di conservazione della natura. In tal modo si potranno effettuare interventi di manutenzione per il consolidamento dell'importante barriera sabbiosa che ha funzione protettiva per la spiaggia; sarà inoltre possibile recuperare il grande valore naturalistico del luogo realizzando percorsi didattici per permettere l'attraversamento ordinato delle dune evitando il calpestio della rarissima flora spontanea e soprattutto per contenere l'abbandono di rifiuti. Il Parco Nazionale ha fatto suo il progetto di acquisizione e sta operando per rendere proprietà pubblica l'area centrale delle dune, creando al contempo un Centro di Educazione Ambientale. La sequenza della copertura vegetale dalla riva all'entroterra è contraddistinta da una successione di specie effimere fino a forme perenni che danno luogo a comunità vegetali più stabili. Sulla zona di spiaggia adiacente alla battigia sono presenti le piante annue come la Rughetta di mare. Sulle dune mobili compaiono le comunità ad Agropiro e Santolina delle spiagge che trattengono con le loro radici le particelle di sabbia, mentre la prima fascia consolidata è conquistata dalle pianticelle di Crucianella e Vedovina. La sommità delle dune più interne è occupata da una boscaglia a ginepri e al di là delle creste dunali, solo in ambiti limitati, permangono bassure dove risulta ancora visibile una zona umida caratterizzata dalla presenza del Giunco e da pratelli effimeri con Malcolmia ramosissima. Stupende le fioriture: in inverno e all'inizio della bella stagione è presente lo Zafferanetto poi seguono per tutta la primavera la Violacciocca selvatica e la Camomilla marina. Infine durante l'estate fioriscono il Giglio marino, il simbolo scelto dagli Amici delle dune di Lacona, e il Fiordaliso delle spiagge.

LOGO UNESCO MAB En color.jpg    IT logo CETS    logo federparchi

Ultime News

20 maggio si festeggia la Giornata mon…

17-05-2019

  Lunedì 20 maggio ore 16:3...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano me…

08-05-2019

    Il Parco Nazional...

La Pasqua con il Parco Nazionale Arcipel…

10-04-2019

Il week end di Pasqua all'Elba co...

Partono dal 6 aprile le visite organiz…

28-03-2019

  Con il Parco sull’isola c...

Walking Festival 2019 il 22 marzo si com…

18-03-2019

  Camminare in primavera e ...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano ad…

01-03-2019

  Il Parco Nazionale Arcipe...

Aspettando la primavera con il Parco: l…

19-02-2019

Il programma “Inverno nel parco” è ...

Portoferraio - Località Enfola

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento