• parco informa
  • Home
  • Il Parco informa
  • Ultime News

Consiglio Direttivo del Parco 26 novembre 2009

Ai Sigg. Consiglieri
Al Collegio dei Revisori dei Conti
Al Presidente della Comunità del Parco    


Il Consiglio Direttivo dell'Ente Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, è convocato il giorno 26 novembre  2009, presso la sede provvisoria dell'Ente Parco di Via Guerrazzi, 1 a Portoferraio. I lavori avranno inizio alle ore 10,00 in I convocazione e alle ore 10.30 in II convocazione con il seguente:  

Ordine del giorno del 26  novembre   2009  

1. Approvazione verbale della seduta precedente;
2. Variazioni al Bilancio di Previsione dell'Esercizio 2009;
3. Ratifica Provvedimento d'urgenza n. 6 del 2 novembre 2009: "Piano del Parco Arcipelago Toscano verifica dei contenuti del Piano del Parco previsti dall'Allegato VI del D.Lgs 152/06. Approvazione dichiarazione di sintesi";
4. Proposta Comune di Marciana per sede del Parco;
5. Regolamento sponsorizzazioni;
6. Regolamento Consiglio Direttivo e Giunta;
7. Delibera n. 24/2009 -rettifica errore materiale
8. Accoglimento proposta transattiva del liquidatore della società Navimaremma Srl.
9. Comunicazioni del Presidente;
10. Comunicazioni del Direttore ;
11. Momar;
12. Finanziamenti regionali Biodiversità- approvazione progetti
13. Partecipazione del Parco al Progetto strategico sul Piano Operativo Marittimo;
14. Approvazione della UE del Progetto LIFE- NAT plus su Montecristo;
15. Nuove candidature VII programma Quadro- UE
16. Pianosa- Audizione Prof Bedini;
17. Varie ed eventuali.


F.TO  IL  PRESIDENTE
(Mario Tozzi

Fondi alle scuole per progettare all'insegna della sostenibilità

 

Nell'ambito dei programmi di educazione ambientale, promossi dal Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano proseguono le iniziative che puntano alla conservazione della biodiversità in vista della scadenza del Countdown 2010. Si sta per concludere la campagna internazionale, chiamata Conto alla rovescia, indetta dall'IUCN per indurre misure fattive per porre freni al degrado ambientale. Oggi è più che mai chiaro che per raggiungere questo traguardo ci si deve sforzare di agire sui comportamenti individuali per far emergere una autentica sostenibilità del nostro modo di vivere. Dedicare tempo ed energie al territorio e farsi interpreti di esperienze significative comporta attenzione al contesto e molta creatività.

comunicatoscuolesm

Quest'anno l'Ente Parco ha emanato un bando per la concessione di contributi alle scuole dell'Arcipelago che presenteranno progetti per svolgere interventi concreti. I progetti che verranno ammessi a finanziamento dovranno presentare indicatori quali: capacità di formare parternariati tra Enti pubblici e soggetti privati, saper acquisire collaborazioni dal mondo della ricerca scientifica,  mobilitare il mondo dell'associazionismo e del volontariato, ecc. In sostanza verrà premiato chi sarà capace di far convergere risorse culturali, formative ed economiche intorno all'idea progettuale candidata per realizzare esperienze che rafforzano i rapporti tra la scuola e il territorio.

Nella sede del Parco in via Guerrazzi si è tenuto giorni fa l'incontro con una buona rappresentanza di tutte le istituzioni scolastiche locali. Franca Zanichelli, direttore del Parco, si è così espressa: "Sono certa che questo programma sarà una risorsa di idee preziose per promuovere Elba, Capraia e Giglio, attraverso i valori ambientali e sociali delle comunità che costituiscono il tessuto del territorio del Parco. Siamo consapevoli delle difficoltà economiche che la scuola incontra a livello nazionale, e ancor più la precarietà con cui si misurano le piccole realtà insulari." La somma a disposizione è di 20.000 € e sarà ripartita tra più progetti per sostenere iniziative che coinvolgono diverse classi e fasce d'età sotto la guida esperta dei docenti.

"I lavori migliori verranno utilizzati per coinvolgere il mondo degli adulti. Personalmente credo nel valore dell'educazione permanente, per generare comunità che apprendono, per dare impulso a reti virtuose e alle buone pratiche. E' quindi importante sostenere le iniziative formative proposte dalla scuola locale, sviluppando contesti operativi che permettano alle giovani generazioni di comprendere la complessità della gestione del territorio. Per questo motivo abbiamo inteso includere il richiamo all'adesione delle istituzioni ".

Il Presidente Tozzi ringrazia il Ministro Prestigiacomo e la invita a visitare Pianosa

 

Il Presidente Tozzi, come annunciato nella trasmissione di Rai 3 " Ambiente Italia" di sabato scorso 7 novembre, oggi ha scritto al  Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo  per ringraziarla del suo intervento contro il carcere duro a Pianosa e per rinnovarle l'invito  a visitare l'isola  per apprezzarne lo straordinario valore. Il Presidente ha chiesto al Ministro di promuovere un'azione di coordinamento presso i Ministeri competenti per decidere del futuro dell'Isola.   

"Caro Ministro,

ho appreso con soddisfazione che, grazie al suo intervento, l'ipotesi della riapertura del carcere speciale nell'Isola di Pianosa, per ospitare i detenuti in regime di 41 bis, è scongiurata. Un provvedimento che, oltre ad essere impopolare per il taglio di opportunità alla economia locale,  avrebbe comportato un grosso dispiegamento di agenti e di controlli, costi infrastrutturali enormi, cementificazione, sottrazione del territorio alla natura,  alla conservazione della biodiversità, al turismo, alla ricerca scientifica, agli studi archeologici e, non ultimo, alla fruizione dei cittadini.

Come Presidente del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano e come studioso ed esperto di ambiente, desidero ringraziarla per avere ascoltato le richieste di molte istituzioni, amministratori e associazioni e colgo l'occasione per invitarla a visitare l'isola per apprezzarne lo straordinario valore. Le chiedo di considerare la necessità di promuovere un'azione di coordinamento presso i Ministeri competenti per decidere del futuro dell'Isola. E' necessario un progetto comune e costruttivo che vada oltre l'immediata soluzione di un problema contingente per la Giustizia,  per abbracciare una visione lungimirante sul mantenimento di una identità paesaggistica così unica che possa essere rispettosa dei dettati comunitari sull'ambiente. Sarebbe molto apprezzato, anche dalla Comunità locale,  il lancio un progetto virtuoso di tutela ambientale di cui sono già disponibili tutti gli ingredienti ma che finora non siamo riusciti a far partire. Confidando nel suo prezioso aiuto porgo i miei saluti

 

Il Presidente del Parco Nazionale Arcipelago Toscano

Mario Tozzi "

 

 

pianosa_il_marzocco

Trovato in mare un probabile container a 120 metri di profondità davanti alle coste livornesi

 

La ricerca scientifica promossa dal Parco dell'Arcipelago Toscano a servizio dell'ambiente.

 001a

La nave oceanica Alliance del NURC  (Nato Undersea Research Center), su richiesta del Parco, ha svolto una  prospezione sottomarina nella zona a largo della costa tirrenica, davanti a San Vincenzo, dove lo scorso 9 luglio fu denunciato dalla  "Thales", un'imbarcazione dell'Organizzazione tedesca Green-Ocean, uno scarico di materiali da parte della portacontainer maltese  "Toscana".

Il Parco, partendo dalla segnalazione raccolta e divulgata da Legambiente ha chiesto al NURC di mettere a disposizione le sue attrezzature scientifiche per aiutare l'eventuale ritrovamento dei container e permetterne l'identificazione del contenuto. Il NURC si è messo all'opera gratuitamente, grazie ai rapporti di collaborazione scientifica  già in corso per il Progetto di ricerca Argomarine.

Nei giorni 2 e 3 novembre, la nave per ricerche oceanografiche Alliance, 93 metri di lunghezza, dotata di attrezzature all'avanguardia come  Multi Beam e Side Scan Sonar ad alta risoluzione, ha individuato, a una distanza di circa 900 metri dalle coordinate segnalate, un manufatto di 3 metri, per 3 per 6,  di fattezze e dimensioni simili ad un container, a  circa 120 metri di profondità. A bordo della Alliance per il Parco il Dr. Cocco e per Tg 3 Rai regionale  il giornalista Walter Daviddi che ha documentato l'operazione.

Il manufatto è stato dunque localizzato, ora servono ulteriori indagini per verificare se effettivamente si tratta di un container con rifiuti tossici.

 

"In attesa di conoscere l'effettiva connotazione e il contenuto di quanto individuato, ringrazio il NURC per la collaborazione -  dice il Presidente del Parco  Mario Tozzi-  e sottolineo come i Parchi giochino un ruolo fondamentale nella promozione delle collaborazioni scientifiche, anche di livello internazionale, per la conservazione dell'ambiente naturale. In questo senso anche il Parco dell'Arcipelago Toscano si pone come un effettivo baluardo contro gli eventuali inquinamenti, gli avvelenamenti e le ecomafie in generale"

 

 

Un nuovo patto tra custodi del mare

Il Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano parteciperà al progetto Momar (MOnitoraggio MARittimo) che lancia una cooperazione transfrontaliera per la tutela del mare e coinvolge la Toscana, la Sardegna e la Corsica.

L'Unione  Europea  ha assegnato il ruolo di capofila alla Regione Toscana per coordinare numerosi interventi che saranno finanziati nell'ambito del programma Operativo Transfrontaliero Marittimo Italia-Francia. Attori di questo consorzio saranno la Regione Sardegna, la Corsica, il Lamma (il centro di ricerche sulla meteorologia della Regione Toscana), l'Università di Cagliari, il Centro CIBM di biologia Marina di Livorno, il LEM (Fondazione Livorno Europa Mediterraneo) e il Centro Studi Europei Plural, questi ultime due istituzioni con finalità di promozione e disseminazione dei risultati progettuali.  Proprio in questa fase di sviluppo della comunicazione si inserisce l'apporto del Parco Nazionale.

Grazie anche alla rete di collaborazioni attivate con il progetto Argomarine, il Parco sarà impegnato per due anni in questo secondo progetto per favorire la sensibilizzazione sulla vulnerabilità del mare a causa degli sversamenti da idrocarburi.

Per salvaguardare il patrimonio ambientale è fondamentale un'opera di sorveglianza a vasto raggio attraverso misure di controllo globale, purtroppo ancora oggi si riscontra un grosso limite nel coordinamento dei soggetti pubblici che svolgono interventi sul territorio con modalità e modelli di amministrazione eterogenei. L'obiettivo di questo progetto è mettere in rete regioni, centri di ricerca e altre istituzioni per costruire un percorso comune per migliorare il controllo del mare tra la Toscana, la Sardegna e la Corsica.

momar

 

Leggi tutto

Dell'arte della manutenzione dei sentieri ....

Lettera aperta dal direttore del Parco Nazionale  

Il reticolo di sentieri  che attraversa in lungo e in largo l'isola d'Elba e le isole minori è il frutto di una storia millenaria di uso di questi suoli e quindi un'autentica espressione della cultura locale. Un tempo i viottoli erano le uniche vie di collegamento  di un'economia rurale naturalmente custode dei propri poderi, dove fatica e sudore si mescolavano alla timidezza e alla frugalità: "all'onsù" -"all'ongiù" era lo scambio di saluti tra chi si incontrava nei tracciati fra i campi ancora 40 anni fa! Me lo ha ricordato Umberto Segnini, una guida storica che ha camminato con il cuore in mezzo a questo territorio.

cartello divelto

Questa economia rurale si è rapidamente dissolta all'Elba per la fugace avventura siderurgica e soprattutto per la trasformazione in economia turistica che ha dato una svolta totale all'uso locale del suolo e al comportamento della gente. La vita attiva si è spostata lungo la linea di costa e il popolamento stabile nell'entroterra si è progressivamente ridotto alla presenza estiva. Sono tornate le boscaglie al posto delle viti, il castagneto non è più stata una risorsa. Al posto della piccola selvaggina sono stati introdotti il cinghiale e il muflone,  con il disagio di molti. Quasi tutti si sono messi nell'edilizia per produrre posti letto, molto più redditizi dei grappoli d'uva, del grano e dell'olivo. Chi ha saputo fare i metri cubi, in un modo o nell'altro, ne ha tratto maggior stima e forza d'azione. Ampi terrazzamenti sono stati abbandonati e i coltivi dimessi. Da qualche anno è riemerso il desiderio di riportare un po' di vitalità a questi pendii, con l'intento di ricercare forme di economia complementari, in maggiore sintonia con una visione di accoglienza espressiva della cultura isolana. Le esperienze della produzione locale stanno oggi diventando ottimo slow food e le attività autentiche buone pratiche.

Leggi tutto

Studenti del Giglio fanno conoscenza con la ricerca nel parco a Giannutri

La Regione Toscana ha sostenuto anche quest'anno importanti ricerche nel Parco dell'Arcipelago Toscano per migliorare le informazioni scientifiche che sono al fondamento delle attività di gestione di un'area protetta. Tra i diversi progetti avviati, segnaliamo l'attività di controllo del passaggio dei migratori, effettuata in primavera all'isola di Gorgona e nell'autunno a Giannutri.

Grazie ad un transetto di mist nets "reti foschia"  stese tra la macchia è possibile intercettare il volo di questi piccoli uccelli che, dopo aver trascorso la stagione estiva in Europa rientrano in Africa per l'inverno. Le isole del Mediterraneo sono piccole zattere dove questi viaggiatori riposano per brevi momenti prima di continuare la loro rischiosa traversata. I ricercatori che effettuano le catture marcano i soggetti con un anello in alluminio che  porta un codice che permette di targare individualmente ogni uccello.  L'attività scientifica svolta a Gorgona è promossa dal Parco Nazionale in collaborazione con l'associazione Arche Hir e con l'ISPRA. Vedere da vicino il lavoro di questi ornitologi è molto interessante e poter parlare con questi esperti può essere un divertente momento di apprendimento per i giovani.

scuolagia2 scuolagia

Per questo il Parco ha organizzato e pagato la trasferta di giovani studenti gigliesi a Giannutri che hanno potuto visitare l'isola con due valenti guide e conoscere le attività dedicate alla conservazione della natura. La scuola media dell'Isola del Giglio ha visitato il campo il giorno 17 settembre scorso. L'iniziativa di educazione ambientale è stata accolta in maniera entusiastica dai ragazzi che hanno potuto vedere da vicino l'occhiocotto e lo scricciolo, minuti uccelletti di macchia normalmente osservati solamente da lontano. Partecipando al lavoro pratico del campo hanno potuto vedere come si effettuano il controllo del piumaggio, la verifica della biometria e l'analisi del grasso accumulato attorno al petto. Si tratta di dati che permettono di valutare le condizioni fisiologiche di queste  piccole macchine volanti che con milioni di battiti d'ali percorrono migliaia di chilometri ogni anno per superare il mare e il deserto. Uno sforzo immane che può costare la vita ad oltre il 50% dei soggetti in movimento!

capineraane

Nel corso della settimana sono state inanellate 13 specie. Il dato più interessante riguarda la ricattura di una femmina adulta di Capinera con anello straniero del Museo Norvegese Stavanger a dimostrazione di quanto siano importanti le piccole isole dell'Arcipelago Toscano quali aree di sosta e di alimentazione degli uccelli migratori.

capineranorv

Tutti questi dati verranno inseriti nella grande banca informativa nazionale gestita dall'ISPRA e poi confluiranno nella rete internazionale EURING. E' questa la dimostrazione della grande collaborazione scientifica tra tutti i Paesi per unire le forze della ricerca al servizio della conoscenza che, come i migratori, non conosce confini.

 

Il direttore

Dr.ssa Franca Zanichelli

Il Parco si trasferisce all'ex tonnara dell'Enfola ad anno nuovo

 Si è tenuto oggi pomeriggio, 14 ottobre, il Consiglio Direttivo dell'Ente Parco. Tra i vari temi all'ordine del giorno quello della sede dell'Ente: il protocollo d'intesa del luglio 2008 non ha avuto ancora gli esiti sperati per il Parco. Né peraltro le scuole hanno potuto fare passi avanti per il loro risanamento,  tema sensibile anche per gli uffici di via Guerrazzi che avevano fatto  persino un passo indietro sulla metratura complessiva degli immobili che il Ministero dell'Ambiente aveva preso in consegna dal Demanio per il Parco.

Oggi è stata formalizzata la nuova destinazione della sede, seppure provvisoria, all'Enfola, in attesa di trovare la propria collocazione definitiva. Il Parco ha chiesto a tutti i Comuni la disponibilità di un immobile, ed è pervenuta in questi giorni la sola proposta del Comune di Marciana che è al vaglio tecnico per valutare se la superficie offerta è sufficiente e l'idoneità degli aspetti logistici complessivi. L'ipotesi della ex Caserma Teseo Tesei non è comunque ancora esclusa. Intanto gli uffici devono affrontare il primo trasloco  perché non è più possibile sostenere affitti così alti.

Altro tema importante l'incremento del 30% delle catture degli ungulati rispetto al 2008: al 12 ottobre 2009 i capi prelevati sono stati 1050, di cui 869 con le catture. Anche i selecontrollori hanno funzionato meglio rispetto all'anno precedente e l'obiettivo di abbattimento di 320 capi previsto dal Piano mufloni probabilmente sarà raggiunto in anticipo rispetto al previsto.  Il presidente Tozzi si è dichiarato molto soddisfatto di questi risultati così pure per quello della imminente conclusione dell'iter di approvazione del Piano del Parco e del Piano di sviluppo socio economico. La bozza aggiornata del Piano di sviluppo socio economico sarà infatti portata in approvazione nella prossima seduta della comunità del Parco probabilmente a fine mese. Prossimo lavoro impegnativo, considerate anche le difficoltà logistiche per la preparazione dell'imminente trasloco, il bilancio di previsione dell'esercizio 2010.

"Ci rendiamo conto delle difficoltà economiche e politiche dell'Italia di oggi- dice il Presidente Tozzi- ma è proprio questo il momento di spingere il ruolo, anche operativo, dei parchi nazionali, non solo per la tutela del patrimonio ambientale, ma anche per il rilancio delle economie locali"

Il Parco incontra i giovani e la ricerca

"La ricerca è fondamentale per la gestione di un territorio perché si devono trovare soluzioni adeguate a superare le criticità nell'uso delle risorse naturali. In questo clima di incertezza e complessità diventa indispensabile acquisire conoscenze per rafforzare l'ingegnosità e promuovere la consapevolezza dell'importanza della cura del proprio territorio". Così il direttore del Parco Nazionale, Franca Zanichelli, ha aperto l'incontro che si è tenuto nella mattina di giovedì 8 ottobre presso il Centro Culturale De Laugier, in stretta collaborazione con il Comune di Portoferraio. Il seminario "Il Parco incontra i Giovani e la Ricerca" è stata l'occasione per far emergere il valore formativo delle esperienze dirette sul campo. Il pubblico era costituito soprattutto da studenti degli ultimi anni delle superiori, in procinto di intraprendere scelte per il proprio personale futuro. Così i giovani laureati hanno cercato di trasmettere le loro esperienze e i risultati del loro lavoro. In sala vi erano diverse classi quinte delle Scuole Superiori elbane. L'iniziativa ha riscosso la presenza di un'ottima rappresentanza delle scolaresche provenienti sia dall'ITCG "Cerboni" che dall'ISIS "Foresi" ed ha coinvolto piacevolmente sia gli  insegnanti che i relatori, giovani tesisti, ricercatori e Professori universitari che si sono occupati di argomenti relativi all'ambiente ed alla cultura delle isole toscane protette.

premtesi

Anche nelle parole dell'Assessore alla Cultura del Comune di Portoferraio, Antonella Giuzio, vi è stata la conferma della volontà di proseguire nell'informazione come servizio alla cittadinanza, con appuntamenti di approfondimento presso la Sala della Gran Guardia.Sono seguite le premiazioni ufficiali dei vincitori delle borse di studio bandite dall'Ente Parco per il 2009, con la presentazione delle tre tesi:  "La vegetazione dell'isola di Giannutri: aspetti ecologici, dinamici e cartografici" di Vittorio Cioffi (Università di Firenze), "Studio storico e restauro architettonico del Castello del Volterraio" dell'elbana Caterina Strada (Università La Sapienza di Roma), "Le spiagge dell'isola d'Elba Occidentale: monitoraggio degli arenili oggetto di ripascimento e manutenzione" presentata da Jacopo Galeazzi (Università di Pisa) di Pomonte.

Nell'organizzazione della mattina ci sono stati piacevoli intermezzi come il saluto portato da una classe del Liceo Fuhlrott di Wuppertal che ha lavorato in Germania  traducendo in tedesco i testi della guida  delle farfalle del Parco e i cartelli del Santuario del Monte Perone. Quindi vi è stata la testimonianza dei due "messaggeri del mare" Lionel Cardin e Pierluigi Costa, che hanno raccontato al pubblico il loro coinvolgimento in iniziative umanitarie  e la realizzazione di progetti educativi intorno al Santuario dei Cetacei. La mattina si è poi conclusa con le relazioni dei giovani tirocinanti di varie università italiane che hanno collaborato a progetti di ricerca  promossi dal Parco Nazionale per affrontare alcuni temi gestionali. I risultati illustrati hanno riguardato gli interventi promossi per l'eradicazione della cornacchia grigia e per la tutela della nidificazione del gabbiano corso a Pianosa, il monitoraggio della capra di Montecristo e l'ecologia degli ultimi esemplari di piante di Tasso presenti nelle pendici settentrionali del Monte Capanne all'Elba. Infine hanno concluso gli interventi i docenti universitari Prof.ssa Letizia Marsili dell'Università di Siena, Prof. Bruno Foggi dell'Università di Firenze e Prof. Roberto Giannecchini dell'Università di Pisa che hanno illustrato i campi di azione dei corsi di laurea delle rispettive facoltà dando così un orientamento agli studi per i ragazzi intervenuti ed una generale presentazione dell'offerta formativa universitaria  in Toscana.

"E' stata una buona giornata di comunicazione: i neolaureati  hanno saputo dialogare in modo efficace con gli allievi che stanno per intraprendere analoghe scelte e tutti hanno potuto constatare come il  Parco sia considerato un fulcro importante per accrescere le opportunità formative  in quanto un forte progetto culturale è  la vera risorsa cui attingere per prospettive di sviluppo più compatibili con il territorio", ha commentato il direttore a conclusione dell'incontro.

 

Festival del Camminare Edizione 2010 alla fiera BETA di Cecina

 Il Parco ha già iniziato a lavorare per la nuova edizione del Festival del Camminare 2010,  i programmi sono quasi pronti e stanno iniziando i contatti con  le aziende  del territorio dell'Arcipelago per una collaborazione sempre più stretta in vista della prossima stagione estiva.
Ieri , 24 settembre,  il Direttore Zanichelli ha partecipato a Cecina alla Borsa Europea del Turismo Associato per presentare insieme alla Provincia di Livorno, alla Regione Toscana  e a tutti i parchi del "Progetto Costa di Toscana e Isole dell'Arcipelago" la nuova edizione del Festival. Presenti il dirigente regionale  Ermanno Bonomi e gli assessori  provinciali  Simena Bisti e  Paolo Pacini, che hanno parlato del festival con toni entusiastici confermando il loro contributo anche per il 2010.
betacecina
Bonomi  ha riportato dati interessanti dalle statistiche regionali:  sono 75 milioni i turisti che visitano i parchi naturali, di questi più del 40% scelgono il parco come unica meta e nella classifica dei più visitati il Parco Nazionale  dell'Arcipelago Toscano è al terzo posto.
"Il sodalizio tra Parco e aziende ha già dato buoni risultati nella scorsa primavera - ha detto Franca Zanichelli-  Dal 2010 ci aspettiamo un riscontro di maggiore presenza perchè abbiamo seminato bene. ll nostro taccuino delle escursioni ha girato tutta l'estate e molti hanno segnalato interesse per avere più informazioni sul Festival. E' molto importante far conoscere per tempo quanto accadrà nella prossima primavera  per costruire un'offerta da rivolgere anche ai turisti nordici che vengono a visitare il mediterraneo. Gli imprenditori delle nostre isole si aspettano dagli enti pubblici una maggiore capacità di rafforzare la rete di supporto e noi Parchi abbiamo l'obiettivo di far crescere una maggiore attenzione al valore del patrimonio naturale. Camminando insieme in questa alleanza potremo avere buoni risultati."

Altri articoli...

Ultime News

E..state nelle isole del Parco Nazional…

28-06-2018

  E..state nelle isole del ...

Bando per contributi a favore di progett…

11-06-2018

  L’Ente Parco Nazionale Ar...

Inaugurato Centro Educazione Ambientale …

08-06-2018

  6 giugno 2018  Inau...

Al Giglio, Elba e Capraia le iniziativ…

09-05-2018

    Al  Giglio, ...

25 aprile a Marciana si inaugura il Fe…

24-04-2018

  25 aprile inaugurazion...

Progetti di valorizzazione dell'area di …

26-03-2018

    Si invita alla co...

AVVISO IMPORTANTE per 10000 mani per Pia…

22-03-2018

AVVISO organizzativo importante p...

ATTENZIONE CHIUSE LE ISCRIZIONI PER 1000…

20-03-2018

Attenzione sono chiuse le iscrizi...

10000 MANI PER PIANOSA iscrizioni fino a…

15-03-2018

  Programma della Giornata ...

Consiglio Direttivo del Parco 6 marzo 20…

01-03-2018

  Il Consiglio Direttiv...

Portoferraio - Località Enfola

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento