• parco informa

Buone notizie dal Campo Rapaci Elba 2013

 

Il campo di monitoraggio della migrazione post riproduttiva dei rapaci denominato CAMPO RAPACI ELBA 2013, organizzato dal Centro Ornitologico Toscano in collaborazione col Parco Nazionale Arcipelago Toscano, ha chiuso le due settimane di rilevamenti domenica scorsa e, adesso, cominciano a venir elaborati i primissimi risultati.

Nibbio_Bruno--

 

Più di 1100 i rapaci contati in quindici giorni sulla postazione del Monte Serra, nei pressi di Rio nell’Elba, tra questi quasi il 60% sono stati falchi di palude, a testimonianza dell’importanza, per questa specie, della rotta conosciuta dagli addetti ai lavori come “ponte sardo-corso” . A questi si aggiungono centinaia di pecchiaioli e di sparvieri. Importantissimo, inoltre, il passaggio di 15 falchi pescatori. Tutti quanti diretti verso la Corsica e da li verso la Sardegna e le coste dell’Africa settentrionale. Bisogna considerare che questi numeri rappresentano una sottostima della reale entità numerica della migrazione sull’Elba (figuriamoci su tutto l’Arcipelago!) considerato che, in condizioni di tempo molto caldo e stabile, i migratori raggiungono quote fuori portata di binocolo! Non sono mancate le rarità, come le tre cicogne nere, o le specie difficili da identificare perché simili ad altre più comuni come i grillai; piccoli falchetti principalmente insettivori.

Altro risultato importantissimo raggiunto dal Campo Rapaci è il coinvolgimento di appassionati locali, residenti e turisti abituali, che hanno finito per diventare assidui frequentatori della postazione di osservazione. Questo anche grazie alla “visibilità” guadagnata con le tre conferenze tenute nelle “case del Parco” di Rio nell’Elba e di Marciana e ai frequenti incontri “sul campo” con i rilevatori impegnati nelle operazioni di monitoraggio.

Infine,  agli esperti del C.O.T., tutti volontari, è stato possibile anche compiere osservazioni molto interessanti e significative sui rapaci “locali”; poiane, gheppi, sparvieri, pellegrini, bianconi e falchi della regina. Osservazioni preziose che accrescono le conoscenze sull’avifauna dell’Arcipelago Toscano.

La nostra speranza, oltre, ovviamente, al poter continuare il Campo Rapaci anche il prossimo settembre magari allungando anche il periodo di monitoraggio, è di riuscire ad iniziare a raccogliere dati anche sulla migrazione primaverile che, sicuramente, coinvolge le nostre isole con numeri di rapaci altrettanto importanti.

 

I coordinatori del CAMPO RAPACI ELBA 2013

Giorgio Paesani e Lorenzo Vanni

 

La foto di un Nibbio Bruno di Giorgio Paesani

LOGO UNESCO MAB En color.jpg    IT logo CETS    logo federparchi

Ultime News

Giornata della trasparenza 17 dicembre 2…

12-12-2018

    Il Parco Nazional...

Sinergie di natura per il futuro di Mont…

03-12-2018

    Siglato l’accordo...

I Parco Nazionali dell'Arcipelago Toscan…

20-11-2018

  I Parco Nazionali dell'Ar...

Isole da salvare: azioni concrete per un…

14-11-2018

  Convegno“Isole da salvare...

La riserva MAB Isole Toscane al 1°Conveg…

08-11-2018

E' in corso il  1°Convegno d...

AVVISO agli escursionisti e ai cittadini…

05-11-2018

A seguito dell’ondata di maltempo...

Seminario del PNAT sulla conservazione e…

31-10-2018

  Seminario del PNAT sulla ...

Bando per la formazione di Guide Parco s…

30-10-2018

    Dopo il primo bando...

Inaugurazione nuovo punto informativo al…

16-10-2018

  VIDEO MONTECRISTO  ...

Collisione nel Santuario dei cetacei. Le…

12-10-2018

  Collisione nel Santuario ...

22 settembre ripartono le passeggiate co…

05-09-2018

  Le passeggiate elbane del...

Il Parco al lavoro per promuovere il tur…

30-08-2018

    Il 29 agosto il D...

Portoferraio - Località Enfola

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

15 Nov 2018
08:00AM - 05:00PM
Concorso ristoratori UPVIVIUM scad. 18.1.2019