• parco informa

Parchi o circoli bocciofili?

 

Sembra incredibile, ma in Italia i 23 parchi nazionali vengono considerati alla stregua di un’associazione privata, come la bocciofila sotto casa. E non ci si vergogna neanche un po’ di ridurre le competenze e tagliare personale e fondi per la gestione, ma si arriva al paradosso di lasciare completamente senza indennità i presidenti. Insomma, il titolo di presidente è onorifico e non deve comportare compensi (le responsabilità, invece, quelle rimangono). Non solo: un fino ad oggi ai più ignoto funzionario dello Stato, nientemeno che il ragioniere centrale(!), sostiene, tentando di argomentare, che dovrebbero per giunta restituire i compensi che hanno percepito fino dall’anno scorso (a oggi nessun presidente risulta essere stato pagato fino da gennaio 2011). In un paese normale la questione sarebbe superata e risibile, purtroppo, invece, è di attualità e molto seria. Prima di tutto il presidente di un parco nazionale non è il capo di un’associazione benefica, ma è il responsabile legale dell’ente e si carica di lavoro e incombenze che la metà basterebbe e avanzerebbe per richiedere compensi adeguati ai grandi civil servant delle aziende pubbliche.

I parchi poi sono un apparato dello stato che funziona in modo efficiente: con scarso personale e quasi senza fondi riescono a tutelare e a conservare il patrimonio naturalistico di tutti e in più alimentano un giro d’affari di decine di milioni di visitatori all’anno e di qualche miliardo di euro. L’unico turismo che non conosce crisi è quello dei parchi (+16%  rispetto all’anno precdente) e la qualità della vita di chi vive nei parchi è accertata come migliore di quella di chi vive fuori.  Ma queste fondamentali istituzioni sono sotto attacco continuo da parte dei soliti portatori di interesse, i predatori di futuro, che pensano soltanto in termini di prezzi e non sanno nemmeno dove siano di casa i valori. In una crisi economica senza precedenti, invece di tutelare chi ha ancora il coraggio di difendere i nostri 23 gioielli nazionali, li si riduce al rango di figure simboliche che dovrebbero rinunciare alle proprie altre attività senza vedere riconosciuto il proprio lavoro. Sono alla scadenza diversi presidenti e non sarà facile trovarne di disposti a mettersi in gioco totalmente solo per amore e passione. A meno che il vero fine non sia il depotenziamento dei parchi nazionali: in questo caso le misure sono azzeccate. Immagino rimanga una legittima curiosità: quanto guadagna un presidente di parco? Emolumenti faraonici, penserete voi: invece no, attorno ai 1500 euro netti al mese. A occhio, solo mettendoli tutti insieme si riesce a raggiungere il compenso del ragioniere centrale redattore del provvedimento.

 

Il Presidente del Parco

Mario Tozzi

 

Ultime News

Bando per contributi a favore di progett…

11-06-2018

  L’Ente Parco Nazionale Ar...

Inaugurato Centro Educazione Ambientale …

08-06-2018

  6 giugno 2018  Inau...

Al Giglio, Elba e Capraia le iniziativ…

09-05-2018

    Al  Giglio, ...

25 aprile a Marciana si inaugura il Fe…

24-04-2018

  25 aprile inaugurazion...

Progetti di valorizzazione dell'area di …

26-03-2018

    Si invita alla co...

AVVISO IMPORTANTE per 10000 mani per Pia…

22-03-2018

AVVISO organizzativo importante p...

ATTENZIONE CHIUSE LE ISCRIZIONI PER 1000…

20-03-2018

Attenzione sono chiuse le iscrizi...

10000 MANI PER PIANOSA iscrizioni fino a…

15-03-2018

  Programma della Giornata ...

Consiglio Direttivo del Parco 6 marzo 20…

01-03-2018

  Il Consiglio Direttiv...

Confronto pubblico sulla eradicazione di…

21-02-2018

Martedi 27 febbraio prossimo  ...

Portoferraio - Località Enfola

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento