• ente parco

FAQ

F.A.Q - Domande frequenti
 
Come trovo le informazioni sul sito?
Ti consigliamo di usare la funzione "cerca" posizionata in alto a destra della home page è sufficiente scrivere una parola chiave e cliccare sulla freccetta (o premere invio), se non trovate ancora quello che cercate provate a cambiare parola chiave
Cos’è la zona A?
La zona A è la zona di riserva  integrale. E’ la vera natura selvaggia  dove è abolita qualsiasi forma di sfruttamento o uso produttivo e il visitatore accede con discrezione, senza abbandonare gli speciali sentieri. E’ il regno della flora e della fauna primigenia, lasciate alla loro spontanea e libera evoluzione. La zona A è insomma il regno della natura intatta.
Cos’è la zona B?
La zona B è detta zona riserva generale. E’ il vasto spazio verde di foresta e prati, in parte umanizzato da millenni di storia ma ancora sostanzialmente genuino e indenne da alterazioni gravi o segni di squilibriuo. Qui le attività del passato possono continuare a svolgersi  in modo limitato e razionale  con un  ragionevole sfruttamento  delle risorse naturali per produzioni di alto valore aggiunto ( artigianato, zootecnia specializzata ecc..). Anche il visitatore vi trova l’ambiente ideale per escursioni e vita all’aria aperta. La zona B., è in sostanza, il punto di incontro e della convivenza tra uomo e natura.
Cos’è la zona C?
La zona C è detta  nella classificazione del piano del Parco zona  di Protezione.
E’ la classica campagna  dove l’attività agropastorale può continuare a svolgersi secondo criteri tradizionali, con particolare riferimento all’agricoltura e all’allevamento del bestiame non industrializzati oppure secondo criteri più moderni e biodinamici, consentendo e incoraggiando la produzione alimentare di qualità. Anche il prezioso patrimonio culturale del passato vi è conservato con cura e tramandato ai posteri. La zona C è in fondo, lo spazio della natura plasmata e assoggettata al servizio dell’uomo.
Che cos’è la Zona D ?
La zona D  o zona di Sviluppo. E’ lo spazio abitato dove antichi centri storici vengono restaurati, rivitalizzati e arricchiti con attrattive culturali a misura d’uomo per la promozione della vita delle collettività locali in stretta armonia e coesistenza con la presenza dei visitatori. E’ il luogo del sereno soggiorno, della ricreazione armoniosa all’aria aperta, dell’esperienza culturale genuina e dell’autentico contatto sociale. La zona D rappresenta, in pratica il vero ambiente privilegiato per la vita sociale, culturalmente forgiato a misura d’uomo.
Dove si trovano le zone A?
Sono zone A a terra sono  l’Isola di Montecristo,
ad eccezione dell’area interna di Cala Maestra, la parte sud di Giannutri,
l’estremo meridione e la fascia occidentale di Capraia, a Pianosa  Punta del Marchese e la fascia costiera sudoccidentale, all’Isola d’Elba la vetta del Monte Capanne con l’area circostante, per ulteriori dettagli si possono vedere le mappe sul sito del Parco www.islepark.it
Che cos’è la zona 1?
Si intende per zona 1 una zona di mare tutelata dal Parco, con un alto grado di protezione. Si tratta di una riserva integrale, corrispondente alla zona ti tipo A a terra, dove sono vietati l’accesso, la navigazione, la sosta, l’ancoraggio la pesca e l’immersione.
Che cos’è la zona 2?
Si intende per zona 2 una zona si mare tutelata dal Parco, dove è possibile accedere, navigare, sostare  ormeggiare fare il bagno e le immersioni. Ma dove non si può pescare.
Il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano è un’area marina protetta?
No è un parco nazionale che ha la competenza di tutelare alcune zone di mare dell’Arcipelago Toscano.
Per diventare area marina protetta occorre un decreto del Ministero dell’Ambiente che la istituisca  avviando un procedimento che, sulla base di comprovate e scientifiche esigenze di tutela , definisca le tipologie di tutela del mare condividendole con le amministrazioni locali competenti.
Si può ancorare in zona 2 ?
Nelle aree marine  classificate come zona2 si può liberamente ormeggiare.
Si può ancorare in zona1?
No. Nelle aree marine classificate come zona1 è vietato sia l’ancoraggio sia l’attraversamento; queste misure sono finalizzate a garantire la massima tutela al patrimonio naturale che esse rappresentano.
Si può attraversare con imbarcazione senza motore la zona 1?
No. Nelle aree marine classificate come zona 1 è vietato l’accesso alle imbarcazioni anche se prive di motore.  Esistono delle autorizzazioni in deroga a particolari condizioni stabilite  dell’Ente Parco.
Come si entra nel Parco?
Il Parco non è un’area recintata a cui si accede attraverso un ingresso, è invece un sistema di protezione dell’ambiente del territorio che si realizza soprattutto attraverso una classificazione delle zone su cui esso insiste; tuttavia per ragioni di tutela ambientale e non solo, le isole Gorgona, Pianosa e Montecristo, e in certi periodi certe zone di Giannutri, sono soggette però a fruizione limitata.
Si può pescare a Capraia?
A Capraia la fascia di mare estesa fino ad un miglio dalla linea di costa è suddivisa in zone1, zone2 e zone 2a; la pesca sportiva è permessa su autorizzazione rilasciata dall’Ente Parco nelle zone2 e 2a; chi passa almeno una settimana a Capraia può pescare nella zona 2a; chi invece è residente a Capraia, o vi possiede un’abitazione, e gli stretti parenti di costoro, possono pescare anche in zona 2a; in ogni caso, non si può usare liberamente ogni tipo di strumento di pesca, ma ci sono limitazioni differenziate per ciascuna categoria di autorizzati.
Un pescatore professionista può pescare a Capraia?
La pesca professionale è consentita a Capraia nelle zone 2 su autorizzazione dell’Ente ai residenti e ai proprietari di abitazioni; non è possibile praticare la pesca con ogni mezzo, ma solo con nasse, palamiti ad con numero di ami inferiori a 250, con lenza e boletino. I pescatori residenti a Capraia possono pescare anche con l’uso di tre reti a tramaglio di 350 metri ciascuna, sempre su autorizzazione dell’Ente.
Si può visitare Giannutri?
Si può visitare Giannutri liberamente. Nel solo periodo tra il  26 maggio e il 12 ottobre  la strada centrale di collegamento tra Cala Maestra e Cala Spalmatorio  resta accessibile per tutti, mentre la parte restante è accessibile ad un massimo di 300 persone al giorno (150 al mattino  e 150 al pomeriggio) con il pagamento di un piccolo ticket e solo accompagnati da una guida ambientale;
Si può pescare a Pianosa?
NO. Il mare dell’isola di Pianosa, fino a un miglio dalla linea di costa, è classificato come zona 1 in virtù del suo grande valore naturalistico; per questa ragione, la pesca non vi può essere consentita.
Si può pescare all’Isola del Giglio?
SI L’attività di pesca nel mare dell’Isola del Giglio è liberamente consentita nel rispetto della normativa vigente.
Si può visitare Pianosa?
SI. E’ possibile visitare Pianosa fino a un massimo di 250 persone al giorno. Bisogna contattare un agenzia  di viaggi che organizzi la gita con Barche autorizzate dal Parco in estate. Durante tutto l’anno esiste un collegamento di linea una volta a settimana della compagnia  Toremar con partenza da Piombino e da Rio Marina.
Si può andare a Pianosa con la propria barca?
No. L’Ente Parco autorizza in deroga:   barche per il trasporto estivo dei passeggeri, barche a supporto di progetti  scientifici e di educazione ambientale.
Si può soggiornare a Pianosa?
A Pianosa non ci sono strutture ricettive pubbliche.
Si può visitare Montecristo?
Sì, 1000 persone all’anno possono fare una escursione naturalistica a Montecristo con l’accompagnamento del Corpo Forestale dello Stato. Al di fuori di questo contingente è possibile anche accedere all’isola, senza fare escursione guidata, approdando a Cala Maestra con la propria barca; in entrambi i casi ci si deve rivolgere all’Ufficio Territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato di Follonica (0566/40611) che ha la competenza della gestione della fruizione dell’Isola.
Si può soggiornare a Montecristo?
A Montecristo non ci sono strutture di ricezione ad utenza pubblica.
Si può fare il Bagno a Montecristo?
NO
Si Può fare il bagno a Pianosa?
Si, ma solo a Cala Giovanna. La guida indicherà quali sono le zone da rispettare.
Dove è possibile praticare la pesca con il fucile subacqueo?
La pesca con fucile subacqueo è consentita solo al di fuori  delle zone di mare tutelate dal Parco.
Si possono fare immersioni nelle aree protette dal Parco?
Si ma solo nella zona di tipo 2.
A chi ci si deve rivolgere per fare un’escursione?
Sul territorio sono presenti numerose guide parco e guide ambientali escursionistiche  a cui è consigliabile rivolgersi per poter apprezzare le numerose peculiarità che l’ambiente offre.
Il Parco organizza escursioni?
L’attività di organizzazione delle escursioni non è servizio che il  Parco organizza regolarmente. In  occasione di particolari eventi o manifestazioni, l’Ente  organizza escursioni su temi specifici e con finalità di educazione ambientale incaricando guide ambientali escursionistiche di accompagnare i visitatori.
Si può campeggiare liberamente nel Parco?
Solo in campeggi attrezzati  il campeggio libero non è consentito.
Si può soggiornare in strutture del Parco?
Il Parco non ha strutture adibite a foresteria per i visitatori.
Si possono raccogliere funghi nel territorio del Parco?
Nel Parco si possono raccogliere funghi nel rispetto della normativa regionale vigente degli usi civici e delle consuetudini locali. Pertanto è necessario consultare il Comune competente.
Si possono prelevare minerali nel territorio del Parco?
Nel territorio del Parco non è consentito il prelievo di minerali o di materiali di interesse paleontologico se non per fini di ricerca e di studio e sempre su autorizzazione dell’Ente.
Si possono raccogliere castagne nel territorio del Parco?
Nel territorio del Parco i castagneti sono limitati ad una ristretta area dell’Isola d’Elba; lì si possono raccogliere castagne nei limiti delle normative vigenti, e rispettando, in primo luogo, la proprietà privata.
Per avere informazioni sull’ambiente naturale, a chi ci si deve rivolgere?
Per un visitatore, un’ottima possibilità di avere informazioni sulla flora, la fauna, la geologia e sugli aspetti storico-archeologici dei luoghi che attraversa durante un’escursione è farsi accompagnare da una guida parco o da una guida ambientale; in alternativa, un visitatore si può procurare uno dei libri in vendita nelle librerie, alcuni dei quali trattano aspetti particolari.
Se voglio ristrutturare la mia casa nella campagna del territorio del parco, che cosa devo fare?
Ogni intervento di ristrutturazione edilizia all’interno del Parco deve essere avere il nulla osta dell’Ente.
Se voglio costruire una nuova casa nel territorio del parco, che cosa devo fare?
La prima cosa da fare è consultare l’ufficio tecnico del Comune competente che saprà dare la giusta procedura e indicherà i vincoli che interessano il territorio d’interesse.
Si possono raccogliere fiori selvatici nel territorio del parco?
Nel territorio del Parco non è consentito raccogliere fiori selvatici o danneggiare la flora spontanea.
Si può campeggiare sulle spiagge del territorio del parco?
Il campeggio libero è vietato su tutte le isole, non soltanto sulle spiagge.
Il Parco si occupa dello smaltimento dei rifiuti?
Il Parco non si occupa dello smaltimento dei rifiuti, che nel suo territorio viene fatto dai soggetti competenti.

Ultime News

Bando per contributi a favore di progett…

11-06-2018

  L’Ente Parco Nazionale Ar...

Inaugurato Centro Educazione Ambientale …

08-06-2018

  6 giugno 2018  Inau...

Al Giglio, Elba e Capraia le iniziativ…

09-05-2018

    Al  Giglio, ...

25 aprile a Marciana si inaugura il Fe…

24-04-2018

  25 aprile inaugurazion...

Progetti di valorizzazione dell'area di …

26-03-2018

    Si invita alla co...

AVVISO IMPORTANTE per 10000 mani per Pia…

22-03-2018

AVVISO organizzativo importante p...

ATTENZIONE CHIUSE LE ISCRIZIONI PER 1000…

20-03-2018

Attenzione sono chiuse le iscrizi...

10000 MANI PER PIANOSA iscrizioni fino a…

15-03-2018

  Programma della Giornata ...

Consiglio Direttivo del Parco 6 marzo 20…

01-03-2018

  Il Consiglio Direttiv...

Confronto pubblico sulla eradicazione di…

21-02-2018

Martedi 27 febbraio prossimo  ...

Portoferraio - Località Enfola

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento