• capraia

Le isole penitenziario

Le isole dell’Arcipelago Toscano sono state da sempre considerate, per dimensioni e caratteristiche, luoghi adatti alla sperimentazione con finalità e modalità di realizzazione diverse a seconda delle epoche storiche e delle emergenze politiche e sociali da affrontare. E’ stata Pianosa, nel 1858, ad aprire la strada alle colonie penali agricole, passando da luogo di detenzione privilegiata per reclusi a bassa pericolosità sociale a luogo punitivo con l’istituzione del carcere di massima sicurezza. Sul finire degli anni ’90 del secolo scorso si è assistito alla chiusura degli istituti penali, pur lasciando la porta aperta ai “ripensamenti”.

Pianosa nel 1998, Capraia due anni prima (qui la colonia penale era stata istituita nel 1873), hanno esaurito l’esperienza penitenziaria per una serie di motivi concomitanti tra cui la limitazione della socialità di detenuti e personale e gli elevati costi di gestione.

Le limitazioni imposte all’accesso e allo sfruttamento del territorio legate alla presenza del carcere, a prescindere dalle implicazioni sociali ed economiche, hanno indubbiamente contribuito alla conservazione dell’ambiente, sia a terra che a mare, e alla sua varietà (ad esempio pascoli e coltivi, ormai scomparsi a Pianosa).

Il dopo-carcere ha aperto scenari e prospettive diversi nelle varie isole: se a Capraia il cuore dell’ex colonia penale è stato convertito ad azienda agricola biologica dove si producono miele, liquori e confetture, il futuro di Pianosa, di fatto disabitata, appare ancora incerto, paralizzato tra proposte di segno opposto e competenze che si sovrappongono. Ancora una volta luogo di sperimentazione, Pianosa ha registrato nel 2004 l’inizio di un importante progetto, messo a punto dal Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria con il Ministero dell’Ambiente, Enti locali e Parco Nazionale. Il piano prevede l’utilizzo di detenuti per lavori di pulizia generale dell’ambiente, rifacimento di tratti stradali, recupero e manutenzione di edifici, raccolta dei rifiuti. Un primo passo, cui devono necessariamente seguirne altri nella direzione della tutela e valorizzazione dei fondali e dell’ambiente terrestre dell’isola, dove l’accesso risulta contingentato.

I problemi non mancano neppure a Gorgona, dove la colonia penale esiste dal 1869. Qui è stato recuperato lo spirito originario delle isole-carcere e il lavoro dei detenuti - impegnati nella produzione di olio e formaggi e nell’attività di itticoltura - rappresenta un modello positivo di organizzazione di lavoro e socialità. Manca tuttavia la fruizione in numero contingentato, esperienza interrotta dall’autunno 2010 e che fino ad allora aveva permesso ai visitatori di scoprire Gorgona accompagnati da guide esperte. L’auspicio, nell’interesse dell’isola e della piccola comunità di residenti, è che si trovi a breve un accordo condiviso tra Ente Parco, Comune di Livorno e Amministrazione penitenziaria.

LOGO UNESCO MAB En color.jpg    IT logo CETS    logo federparchi

Ultime News

Montecristo tornano a volare le farfal…

21-06-2019

  Montecristo via i ratti t...

Divieto assoluto di accensione fuochi e …

20-06-2019

ATTENZIONE la Regione Toscana con&n...

Nuove opportunità di visita della Fortez…

11-06-2019

  Nuove opportunità di visi...

Riapre alle visite l'Orto dei semplici e…

07-06-2019

    Foto Antonello Ma...

6 giugno al Parco Greenpeace presenta MA…

04-06-2019

    Giovedi 6 giugno ...

Liberiamo Giannutri dalla plastica Domen…

29-05-2019

  Giannutri Plastic Free li...

20 maggio si festeggia la Giornata mon…

17-05-2019

  Lunedì 20 maggio ore 16:3...

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano me…

08-05-2019

    Il Parco Nazional...

Portoferraio - Località Enfola

Tel 0565 919411 - Fax 0565 919428

PEC: pnarcipelago@postacert.toscana.it

Email:

C.F. 91007440497 P.IVA 01254460494

Fatturazione elettronica:
UFPRY8
Uff_eFatturaPA

Prossimi Eventi

Nessun evento